Home Archivio Cresce l’attesa per la finale play-off del girone B

Cresce l’attesa per la finale play-off del girone B

22 min. di lettura
0
0

Dopo venti giornate di campionato, che hanno visto trionfare la Costa del Lione, S.Bruno e Domenico Sport si giocheranno la promozione alla categoria superiore nella finale play off prevista sabato a Serra S.Bruno. La squadra ospitante, che ha chiuso la regular season al secondo posto, arriva a questo match avendo ottenuto l’accesso senza passare dalla semifinale per via dei dodici punti di distacco dal Belmonte calcio a 5 che ha chiuso al quinto posto. La formazione di mister De Raffele, nata dalle ceneri di Futsal Serra e di Serra calcio a 5, ha confermato il suo storico potenziale nel gioco d’attacco con ben 116 reti realizzate ( miglior attacco del girone) con 75 realizzate in casa e 41 in trasferta, facendo del proprio campo da gioco, un fortino inespugnabile dove ha ottenuto 8 vittorie e 1 solo pareggio, arrivato alla seconda giornata di campionato contro l’imbattibile “Costa del Lione”. Percorso diverso per la Domenico Sport che ha chiuso il proprio campionato, prima delle semifinali play off, con 7 vittorie casalinghe  e 5 vittorie esterne, segnando 43 gol in casa e 47 in trasferta ( secondo miglior attacco del girone), con il proprio bomber, Pasquale Novello, autore di ben 42 gol in campionato. Il bilancio delle due precedenti sfide di questa stagione è di parità con entrambe le squadre che si sono imposte in casa. Infatti, a Serra, nella gara di andata, finì con la vittoria dei bianco verdi per 7 a 4, mentre, a S.Lucido, nella gara di ritorno, fu il team di mister Abramo a superare gli ospiti per 4 a 2.  Sarà, dunque, una super sfida tra due belle realtà calabresi che, certamente, faranno divertire il pubblico serrese e quello di S.Lucido, che accorrerà in massa per seguire i propri beniamini nell’ultimo atto del girone B del campionato di serie D. Per capire come S.Bruno e Domenico Sport,  arriveranno a questo match, abbiamo voluto porre tre domande ai rispettivi tecnici, Gianni De Raffele e Matteo Abramo che ringraziamo per la loro disponibilità e ai quali auguriamo di vivere una bella giornata accompagnati dai più alti valori dello sport.

mister Gianni De Raffele

Mister De Raffele, una partita che vale una stagione. come arriva la sua squadra a questo fondamentale match?

È una partita importantissima sia per i miei giocatori che per questa nuova società che, con non pochi sacrifici, ha affrontato nuovamente la sfida di dare lustro a questo stupendo sport in un territorio montano come quello di Serra, con l’intenzione di far avvicinare quanti più ragazzi possibile al Futsal. Le condizioni dei miei giocatori non sono delle migliori, in considerazione del fatto che potremmo avere molti forfait, su tutti Bruno Ciconte ( infortunato) e alcuni ragazzi under ( come Diego De Raffele, autore di 6 reti) che si sono ottimamente distinti in tutto il campionato, per stage e gite scolastiche. Comunque la volontà e la voglia di far bene che hanno tutti gli altri, mi consola tantissimo perché in campo sono dei veri leoni come il simbolo della nostra società!

Ad inizio stagione che aspettative avevate e sopratutto come valuta il cammino della sua squadra?

Ad inizio stagione sapevamo di dover affrontare un campionato di vertice, in considerazione del calibro dei giocatori che ho in rosa, molto esperti e tecnicamente validissimi. Chi come me, ha la fortuna di allenare Gregorio De Caria e Lucio Zaffino, non può non essere felice ed entusiasta. Poi ho il grande capitano Luciano Albano che, insieme al “giovanissimo”, non per l’anagrafe, Antimo De Padova ha dato tutto il proprio apporto in termini di esperienza. Ci è mancato un pò Domenico Zaffino per problemi personali, ma in finale spero ci sia. Inoltre il portiere Angelo Carrera è sicuramente di categoria superiore e farà certamente la differenza! Per quanto riguarda il campionato posso dire che qualche errore l’abbiamo commesso, ma che anche la sfortuna di incorrere in infortuni ci ha messo del suo. Sono sicuro che i miei ragazzi sabato, mi faranno divertire!

Mister mandi un messaggio alla sua e alla tifoseria del S.Lucido per questo match che siamo certi sarà una giornata di sport tra due belle realtà.

Alla tifoseria del San Lucido dico solo che li accoglieremo come hanno fatto loro con noi! Certamente i nostri tifosi saranno gasati al massimo con una grande voglia di far sentire il loro amore e il loro entusiasmo ai propri beniamini, ma ciò non vuol dire che saranno scorretti anzi, per tutto il campionato hanno dimostrato come si può far “casino sugli spalti ” e tifare incessantemente senza che questo leda in alcun caso l’onore degli avversari. La Domenico Sport ha un tecnico preparato ed intelligente e dei ragazzi molto forti tecnicamente e fisicamente!
Una cosa è sicura,  troveranno una squadra e dei tifosi molto agguerriti ma, ripeto, sempre in modo educato e rispettoso.

Grazie mister ed in bocca al lupo.

mister Matteo Abramo

Mister Abramo, una partita che vale una stagione. come arriva la sua squadra a questo fondamentale match?

Prima di rispondere alle domande ed entrare nel merito dell’importantissima finale play off di sabato, permettetemi di ringraziarvi e di ringraziare quanti come voi con impegno, professionalità e passione forniscono un servizio giornalistico fondamentale al calcio a 5 Calabrese, garantendo informazione costante e visibilità anche alle “piccole” realtà come la nostra. Come darle torto, la partita contro il Serra San Bruno rappresenta effettivamente il momento cruciale della stagione che ormai volge al termine, la gara delle gare, il momento dei bilanci, delle conclusioni e perché no anche delle programmazioni future; il tutto a prescindere dal risultato finale, per noi comunque positivo, alla luce di quanto siamo riusciti a creare e dimostrare.  Arriviamo a questo entusiasmante incontro carichi e motivati, consapevoli della nostra forza, ma allo stesso tempo consci dell’organizzazione tattica degli avversari e del notevole tasso tecnico dei componenti la rosa. Società, tecnico e parco giocatori certamente di categoria superiore. Contro avversari di questa caratura serve la partita perfetta, quella che mi aspetto dai miei ragazzi, persone serie e volenterose che durante la stagione hanno imparato a sorprendermi, maturando sensibilmente come singoli e come squadra, regalando al sottoscritto, alla società ed ai tifosi enormi soddisfazioni. Un vero gruppo di amici che anche in questa occasione venderà cara la pelle per dimostrare il proprio valore e ripagare la fiducia di chi ha sempre creduto in loro. Insomma, abbiamo il dovere di crederci e di inseguire il sogno chiamato C 2, vada come vada.

Ad inizio stagione che aspettative avevate e sopratutto come valuta il cammino della sua squadra?

Ho avuto il piacere di aggregarmi  ed entrare a far parte di questa grande famiglia sportiva dal nome “Domenico Sport” già dalla scorsa stagione terminata al sesto gradino della graduatoria, ad un passo dalla zona play off del girone A, sfuggito soltanto nelle ultime giornate. Quest’anno siamo ripartiti con rinnovato entusiasmo, abbiamo consolidato, innanzitutto l’assetto societario attraverso l’ingresso di nuove figure dirigenziali ai più note nell’ ambiente del calcio a c5 calabrese. Forze fresche che hanno apportato esperienza ed assidua presenza, quella che serve per lavorare con tranquillità. Per quanto attiene l’organico, invece, accanto agli elementi storici della rosa sono stati inseriti alcuni calcettisti locali provenienti dalla C2. Anche in questo caso un perfetto mix di esperienza e gioventù, senso di appartenenza e spirito di competizione quale stimolo costante ed imprescindibile. Gli obiettivi grosso modo erano, sono e saranno sempre quelli che hanno spinto la società, con a capo il nostro Presidentissimo Piero Carbone, ad iniziare qualche anno fa l’avventura nel panorama del calcio a 5, vale a dire la ricerca del giusto compromesso tra l’inevitabile sentimento di aggregazione sociale e quel forte desiderio di misurarsi, migliorarsi ed emergere all’ insegna del sano agonismo e del fair play. Non ci siamo mai posti veri e propri risultati o traguardi finali, se non quello di affrontare ogni partita con il massimo impegno nel percorso di crescita personale e di squadra. Inutile nascondere la soddisfazione per essere stati in grado di trasformare al momento i desideri in realtà e di essere riusciti a creare un vero gruppo di amici accomunati dalla benedetta o maledetta passione per il futsal. Insomma è lo stesso nome della società “Domenico Sport”, nata e costituita in memoria di un caro ragazzo, Domenico Carbone appunto, aimè oggi non presente tra noi (ma solo in senso materiale), a caratterizzarci e contraddistinguerci. Il caro Domenico era un “malato” di calcio ed ha sempre giocato con grinta, determinazione e rispetto delle regole e degli avversari, con l’obiettivo di migliore se stesso e regalare soddisfazioni alla propria società ed all’intera collettività. Questo il nostro brand. Il cammino della squadra è stato a corrente alternata ed abbastanza travagliato. Non è stato semplice, all’inizio, trovare le giuste intese e l’amalgama tra calcettisti provenienti da diverse realtà, ognuno con le proprie peculiarità e conoscenze tecnico tattiche. Soltanto la disponibilità e l’intelligenza dei ragazzi in uno allo spirito di sacrificio e di abnegazione, hanno consentito di superare i molteplici ostacoli presentatisi nel nostro cammino sportivo. Un girone estremamente livellato che ci ha visti misurare contro avversari competitivi guidati da tecnici competenti e preparati. Siamo sempre usciti a testa alta dal rettangolo di gioco e solo dopo aver sudato le proverbiali sette camicie  Il duro lavoro ha dato i suoi frutti, specialmente durante il periodo più critico della stagione coinciso con due sconfitte consecutive ad inizio girone di ritorno; unico rammarico di un percorso assolutamente esaltante. Per questi e per altri motivi ancora non smetterò di ringraziare  i miei ragazzi, artefici e protagonisti del raggiungimento della finale play off. Un piacere ed un onore aver condiviso con voi questa stagione calcettistica .

Mister mandi un messaggio alla sua e alla tifoseria del S.Bruno per questo match che siamo certi sarà una giornata di sport tra due belle realtà.

Vietato pensare o immaginare il contrario. Deve essere e sarà una giornata di sport all’insegna del fair play in campo e sugli spalti. Ovviamente ci sarà agonismo tra due squadre che si giocano una stagione intera e che lottano per la conquista del salto di categoria, pertanto l’incitamento delle tifoserie ai propri beniamini sarà inevitabilmente fragoroso ed acceso, tuttavia sono convinto che il rispetto e la stima tra le due società ed in generale la cultura dello sport di quanti di Serra San Bruno, San Lucido e non solo verranno ad assistere alla finalissima farà si che si procederà nel migliore dei modi. Permettetemi di ringraziare i nostri tifosi, presenza assidua, nutrita e costante, sempre prodiga di preziosi consigli. Giovani e meno giovani, sportivi e non, in ogni caso persone competenti, appassionate che con il loro contributo hanno permesso il raggiungimento della finalissima. Straordinaria in particolare l’organizzazione complessiva della semifinale play off, in grado di trasformare il nostro impianto sportivo in una bomboniera allestita a festa con i colori della nostra società, la musica ed i cori collettivi alla squadra ed individuali a singoli giocatori e dirigenti. A loro chiedo di accorrere numerosi anche in questa occasione, perché per noi avvertirne la presenza e l’incitamento rappresenta un ulteriore incentivo, uno stimolo importante in grado di trasmettere quell’adrenalina e quella concentrazione necessaria alla conquista della meta chiamata C2. Il nostro è certamente un pubblico di categoria superiore, per questo faremo di tutto per regalargli la più importante soddisfazione.     

Grazie mister ed in bocca al lupo.

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Il Pianopoli delle certezze: si riparte dalla triade Catroppa, Scerbo, Vaccaro

Ogni squadra, ogni società, ogni istituzione ha bisogno di una struttura. L’Asd Pian…