Home Archivio Serie C1: risultati, marcatori e commenti della diciannovesima giornata

Serie C1: risultati, marcatori e commenti della diciannovesima giornata

41 min. di lettura
0
0

Si è disputata la diciannovesima giornata nel campionato regionale di serie C1, di seguito risultati, marcatori e commenti di tutti gli incontri.

Selfie vittoria Kroton

AMANTEA C5-KROTON C5 3-5
Marcatori: 2 Miraglia, Motolese (A) 2 Gerace, 2 Cimino, L. Martino (K)
Dopo la cocente sconfitta di sabato scorso ad opera della Roglianese, il Kroton torna al successo riappropriandosi della quarta piazza in graduatoria e condannando, virtualmente, i padroni di casa all’ultimo posto. Primo tempo equlibrato che si chiude in parità, nella ripresa il maggior tasso tecnico dei pitagorici viene fuori ed i ragazzi di Orto riescono a portare a casa l’intera posta in palio. Le doppiette di Gerace e Cimino e la marcatura di Luigi Martino fanno da cornice alla vittoria rossoblu, di Miraglia (doppietta) e Motolese le reti dei tirrenici che, a differenza dello scorso anno, non riescono a trovare il bandolo della matassa. 

G. Avarello

BOVALINO C5-LAMEZIA SOCCER 3-2
Marcatori: Pratticò (B) Crapella (LS) Morelli (LS) Avarello (B) Sacco (B)
Ritorna alla vittoria la formazione Amaranto ma lo fa soffrendo parecchie volte in campo amico. Primo tempo equilibrato con la squadra Amaranto che spreca sotto porta varie occasioni da Goal! A 10 dal termine il duo Pratticó e Avarello si trovano a tu per tù contro la difesa avversaria, il mumero 7 amaranto scarica palla su Pratticó sul vertice sinistro dell’area di rigore che con un tracciande batte il portiere avversario. A 5 dal termine del primo tempo gli avversari trovano il pareggio con un tap-in sul secondo palo. Secondo tempo che inizia male per il Bovalino che va sotto 2 a 1 dopo un contropiede messo a segno dalla squadra ospite. Rialza la testa il Bovalino Calcio a 5 che a 15 minuti dal termine sbaglia un tiro libero! 5 minuti dopo Avarello incanta il Pala ‘La Cava’ palla dentro per Sacco che la da al numero 7 amaranto che di tacco la mette in porta e riapre il match! La squadra ospite gioca la carta del portiere di movimento a 5 minuti dal termine ma da una rimessa laterale nasce il EuroGoal di Giuseppe Sacco che fa esplodere i tifosi Amaranto, palla al numero 2 Amaranto che dal vertice destro dell’area di rigore quasi vicino al calcio d’angolo fa partire un tracciante che trafigge il portiere avversario e mette fine al match. (A.S. Bovalino C5)

Vitale

FANTASTIC FIVE SIDERNO-ATLETICO CETRARO 3-1
Marcatori: 2′ Losada (AC) 16′ Fiorenza, 22′ Vitale, 48′ Gimondo (FFS)
L’impresa della giornata è senza dubbio quella di Siderno dove un grandissimo, coriaceo, tostissimo, grintoso e orgoglioso Fantastic Five batte la corazzata Atletico Cetraro. I presupposti per assistere alla vittoria odierna parevano non esserci poiché la squadra di casa si presentava con soli sei giocatori di movimento d’esperienza e ben otto indisponibili a lungo termine, mentre gli ospiti si approcciavano con la classifica ed il valore dei propri giocatori che tutti hanno sotto gli occhi. In effetti, la gara inizia in discesa per il Cetraro che la sblocca dopo meno di due minuti, grazie ad un tiro da fuori di Losada. Tutto ciò lascerebbe presagire ad una goleada dei tirrenici ma, spinto dal pubblico delle grandi occasioni, il Siderno reagisce, chiude tutti gli spazi e pressando gli avversari in nettà difficoltà per le dimensioni del campo di gioco, clamorosamente ribalta la partita prima con il gol di Fiorenza e poi con il grandissimo gol di Vitale. Da lì, la Fantastic continua a pressare a tutto campo nonostante i sessanta minuti giocati da Gimondo, Fiorenza e Vitale, encomiabili, e due cambi quali Pezzano e Cajal, sfiancando il Cetraro incredulo di questa situazione. Il primo tempo finisce 2-1, la Fantastic avrebbe anche potuto triplicare ma c’è da dire che anche l’estremo difensore Davide Fiorenza ha tolto le castagne dal fuoco in almeno due occasioni. Nel secondo tempo ci si aspetta la reazione del Cetraro ma la Fantastic di oggi è ben messa in campo e lotta con un grinta e con una caparbietà assoluta su qualsiasi pallone, addirittuta al diciottesimo Gimondo recupera palla e con una puntata delle sue, batte l’incolpevole portiere ospite con il PalaMarconi in visibilio che diventa una bolgia. Nei cinque minuti di recupero, la sensazione è che la gara potrebbe durare ancora per molto ma quest’oggi il Siderno non avrebbe mai potuto subire gol. Nel finale, c’è anche spazio per la traversa a porta vuota di S. Fiorenza dopo aver recuperato palla, con gli ospiti schierati con il portiere di movimento. Grande euforia per la vittoria “Fantastic” dei ragazzi di casa, una vera e propria impresa vista situazione della rosa a disposizione. Unica nota stonata sono le vittorie delle rivali che continuano a fare punti e gli infortuni che pesano sulla rosa degli jonici. (A.S. Fantastic Five Siderno)

Giampà

FIVE SOCCER CATANZARO-ZEFHIR 3-2
Marcatori: 7′ Posella (FS) 8′ Giampa (FS) 15′ Sarica (Z) 45′ Presini (Z) 58′ Pastori (FS)
Oggi la Five si presenta senza il suo capitano A. Capicotto fermo ai box per l’influenza e con Zurlo appena atterrato per la convocazione della nazionale. Parte forte la Five che dopo un paio di belle occasioni riesce a sbloccare il risultato al 7′ con Posella appostato sul secondo palo. Non passa neanche un minuto e Giampa porta la propria squadra sul 2-0 dopo aver recuperato una palla nella propria metà campo, si presenta a tu per tu con Tamiro e lo trafigge. Si va avanti con la supremazia in campo della squadra di casa finquando al 15′ dopo aver recuperato palla dopo un nettissimo fallo commesso su Zurlo, costretto ad uscire, lo Zefhir segna il 2-1. La partita si innervosisce ma finisce così il primo tempo. Nel secondo tempo la partita vive di continue ripartenze da entrambe le parti fin quando a metà frazione dopo un fallo su Zurlo viene espulso Tamiro, la Five non riesce a sfruttare l’uomo in più pur tirando in porta più volte e si fa rubare palla al rientro dell’uomo in più e subisce il 2-2. A questo punto ricomincia il pressing che non si concretizza per le disattenzioni dei propri giocatori di attacco ma ci pensa Pastori a due dalla fine a siglare il definitivo 3-2. (A.S. Five Soccer CZ)

Soverato di repartorio

FUTURA ENERGIA SOVERATO-ENOTRIA CITTA’ DI CATANZARO 3-0
Marcatori: Sinopoli, Chiaravalloti, Santise (FES)
Sabato 18 Febbraio 2017 pieno di emozioni al Palasport “Franco Scoppa” di Soverato, autentico fortino della Futura Energia Soverato capace di perseguire 20 punti sui 24 totali tra le mura amiche frutto di 6 vittorie, 2 pareggi e 1 sola sconfitta, avvenuta il 22/10/2016 per 2-3 con rete al 64′ minuto ad opera del Futsal Polistena. Quest’oggi va in onda un remake già visto per altre 3 volte in stagione di cui 2 in coppa ed 1 in campionato, infatti la sfida valevole per la 19 Giornata L.N.D. C1 Girone Unico mette di fronte a sfidarsi la Futura Energia Soverato VS Enotria Citta’ di Catanzaro. I Precedenti sorridono alla compagine Soveratese autore di 2 vittorie tutte in coppa e precisamente nei quarti, in quello che era l’ultima chance utile per raggiungere le tanto sognate FINAL FOUR di Polistena poi successivamente vinte dalla squadra biancorossa del Presidente Vito Loprieno (09/11/2016   Futura Energia Soverato – Enotria Città di Catanzaro 2-1.  “Andata dei Quarti di Finale “, partita giocata  in casa sul “neutro di Filadelfia”). (23/11/2016   Enotria Città di Catanzaro – Futura Energia Soverato 2-4. “Ritorno Quarti di Finale”, partita giocata in Trasferta al “PalaGallo” di Catanzaro), e di 1 sconfitta ( 29/10/2016  6° turno di Campionato   “Enotria Città di Catanzaro – Futura Energia Soverato” 4-3. Match disputato in trasferta al “Palagallo” di Catanzaro). Quarto scontro come preannunciato avviene tra due formazioni che si conoscono benissimo, e se L’Enotria annovera tra gli assenti il solo Monterosso, squalificato per doppia ammonizione subita nella partita precedente contro il Bovalino, la Futura Energia registra un vero bollettino di guerra avendo “O’ Mago” Carlo Donato,il Capitano “Il Messia” Rodolfo Ranieri, “Il Re Leone” Christian Castano’, “MTV” Carlo Tavano, e “Gatto” Bruno Sperli’ (anche se quest’ultimo presente in panchina ma in evidenti precarie condizioni) tra gli assenti. Problema in piu’ questo per il Mister “CopaCabana” Gianni Venanzi e per la squadra del Presidente Vito Loprieno che ha disponibile solo come Pivot di ruolo il “Pipita” Emanuele Sinopoli tornato agli splendori di un tempo e autore di una prestazione maiuscola da “Man of The Match”. Enotria che viene da tre vittorie consecutive, e Futura Energia che ha raccolto 7 punti nelle ultime 5, perdendo 2 delle 3 trasferte in quel di Cetraro contro l’Atletico di Juninho e in quel di Reggio contro lo Zefhir, ma vincendo straordinariamente  l’ultima trasferta (1° successo stagionale fuoricasa) in quel di Polistena contro il Futsal Polistena per 5-1. Ma Andiamo al Match: Match arbitrato dai Signori Carbone Francesco e Pedullà Antonino entrambi della sez. di Locri. Partita subito tosta e ben giocata da entrambe le formazioni, organico eccellente probabilmente di categoria superiore per l’Enotria, che col solo Rotella in porta (uno dei migliori portieri assoluti insieme a Gervasi del Cetraro) fa capire lo spessore dei suoi, e Futura Energia che comincia col quintetto “David Coulthard” Antonio  Loprieno (Capitano dei suoi quest’oggi) in porta, “Binnu” Bruno Bilotta da ultimo, “Jack Russell” Riccardo Parafati e “L’Hispanico” Christian Santise esterni, e “Pipita” Emanuele Sinopoli Pivot. Al 3′ e al 4′ Chiarella fa due squilli dalle parti dell’area della Futura Energia concludendo  in porta per due volte ma trovando un Loprieno attentissimo che respinge senza problemi. Poi comincia il forcing targato Futura Energia che salendo in cattedra sfodera prima la conclusione del “Pipita” Sinopoli al minuto numero 8′ e deviato con un colpo di reni micidiale di Rotella, e successivamente tra il 10′ ed il 15′ ha 3 occasioni ghiotte per potersi portare in vantaggio con “Dj Praja” Domenico Chiaravalloti prima, e poi con un doppio “Hispanico” Santise che viene stoppato da un intervento prodigioso del Numero 12 ospite che si supera da 0 metri salvando letteralmente i suoi. Il tutto intervallato da una clamorosa occasione firmata Enotria con Matteo Brandonisio, classe 85′,  capitano esemplare in campo e uomo straordinario fuori, che a tu per tu con Loprieno al 13′ minuto incredibilmente sceglie la via del colpo sotto col sinistro col pallone che si alza prendendo una strana traiettoria e va a finire ad un soffio dal palo della porta difesa dall’estremo difensore di casa. Partita che poi, complice ritmi altissimi nei primi 15′ , nella restante meta’ del secondo tempo viene ben manovrata come gestione del Possesso Palla da parte dell’ Enotria che alla fine avra’ concluso verso la porta di Loprieno qualcosa come 8 tiri totali di cui 5 nello specchio, ricevendone ben 19 con 10 nello specchio di marca Futura Energia Soverato. Al 20′ una doppia decisione arbitrale sciagurata (fischiato il 4 e il 5 fallo ai danni della Futura Energia in 35″); Entrambe le decisioni del Signor Pedullà appaiono ad immagini prese in tempo reale, non corrette, e fanno in modo che l’Enotria batta un calcio di Punizione dal limite al 21′ che per fortuna non sortisce l’effetto sperato e che il Soverato debba giocare i restanti 9′ di gioco col patema d’animo di non poter neanche sfiorare i giocatori avversari pena un tiro libero che, con la partita in bilico come da pronostico, sarebbe stato letale. Al 26′ poi ancora il “Pipita” Sinopoli prova a dar fastidio concludendo in porta un tiro si potente ma troppo centrale. Partita che si conclude con il Risultato di 0-0 nei primi 32′ minuti di gioco. Il secondo tempo comincia col piglio giusto per la squadra di casa con i colori biancorossi, ma in tenuta completamente nera quest’oggi, e già dopo 19″ di gioco sempre Sinopoli riesce a sfoderare un siluro dove un altro miracolo di Rotella salva i suoi dal papabile e veritiero 1-0 casalingo. Futura Energia padrone del gioco ed Enotria che si abbassa forse troppo, preoccupata perlopiu’ di gestire il pallone cercando verticalizzazioni ed invenzioni che non arrivano. Tra il 4 ed il 15′ ci sono 4 occasioni di marca Futura Energia. Prima “Dj Praja” Chiaravalloti al 4′, e poi un doppio “Pipita” Sinopoli e anche una folata di “Jack Russell” Riccardo Parafati cercano di sfondare la porta difesa dal migliore in campo per gli ospiti Fabrizio Rotella. Dal 16′ in poi continua a macinare gioco la Futura Energia, che con “Ercole” Alessandro Politi (classe 96′ , autore di 2 gol nel primo tempo di Polistena solo 7 giorni fa) entrato al posto di “Binnu” Bruno Bilotta (prestazione ottima la sua, difendendo l’area di rigore come un Baluardo e non facendo passare nulla di organico dalle sue parti, stoppando sia Mirante che Tallarigo, ma sbagliando qualcosa soprattutto nella prima frazione di giuoco in fase di impostazione), riesce a dare forse un po’ piu’ di sostanza nel giro-palla basso cercando di verticalizzare per i compagni e proponendosi anche in avanti quando necessario. E’ il preludio al primo gol della Futura Energia, un goal meraviglioso che fa esplodere i 500 “and more”  presenti al Palasport “Franco Scoppa” . Al 50′ minuto “Ercole” Alessandro Politi ruba palla e scende sulla fascia nel piu’ classico dei 2 VS 1, solo sull’altra corsia esterna c’e’ il “Pipita” Sinopoli che viene servito con un no-look dal compagno, Sinopoli evita il rientro di un avversario con un colpo alla vedo-non vedo micidiale, e poi trafigge un Rotella in uscita con un tocco morbido morbido spettacolare che fa esplodere come una Bolgia il Palasport “Franco Scoppa” che, per chi non abituato, puo’ diventare un vero e proprio martello pneumatico per l’udito degli avversari. 1-0 Futura Energia meritatissimo e 8° Sigillo personale (3° in casa consecutivo) per un giocatore forse a tratti nella stagione non eccellente, ma che sta dimostrando ancora una volta se ce ne fosse bisogno di poter sostenere e come la categoria come la C1.  Poi qualche minuto dopo si assiste a qualcosa di inenarrabile come mai visto personalmente prima su parquet del Futsal. Ripartenza Enotria dopo una pressione Futura Energia, ma in un doppio contatto a distanza di qualche secondo la Futura Energia ha 2 giocatori a terra che sembrano aver bisogno di cure, rispettivamente Riccardo Parafati e Sinopoli. In maniera molto “Elegante” su un passaggio di un compagno, il Capitano e grande uomo Brandonisio, da gran “Signore” lascia sfilare il pallone volontariamente in out permettendo l’interruzione del giuoco nel piu’ classico dei Fair Play che poi non e’ altro che ” Un vocabolo derivato dall’inglese. “Fair play” significa gioco leale e deriva dall’antico inglese “plega” che significa (giocare) (lett. gioco corretto, da intendersi come lealtà) si riferisce a un’etica comportamentale improntata al rispetto delle regole, al riconoscimento e al rispetto dell’altro, nei rapporti umani intrattenuti nei vari campi dell’agire umano (sociale, politico, sportivo, ecc.) FONTE WIKIPEDIA. Purtroppo non tutti siamo dotati di questa sensibilità, di questa accortezza, di questo rispetto nei confronti dell’avversario e ne e’ l’esempio lampante, esempio sicuramente da non fare vedere ai bambini che si affacciano a questo sport, il numero 12 ospite, Rotella Fabrizio, classe 90′, (un passato fatto anche di Soverato Calcio a 5, storico club di Soverato con presidente il Sig. Agostino Santise, padre del nostro Christian) nonche’ portiere di Categoria superiore avendo giocato anche in Serie A con il Napoli. Non sempre sinonimo di grande calciatore e professionista si abbina col sinonimo del grande uomo, infatti sul “lasciapassare” avuto da Brandonisio, Capitano dell’Enotria, il portiere catanzarese Rotella compie uno scatto dalla sua porta fino alla meta’ campo inveendo pesantemente a voce alta contro il suo Capitano e compagno di squadra e togliendosi anche una ginocchiera dal gomito sinistro gettandola in terra in segno di stizza e di risentimento per l’accaduto. Il tutto con un Palasport “Franco Scoppa”, inizialmente ammutolito per l’egocentrismo tendente al patetico del portiere catanzarese, irrispettoso e sleale come nessuno mai. Il silenzio del PalaScoppa dopo qualche secondo di comprensione per quanto accaduto, si tramuta sfociando in una protesta clamorosa di tutto il pubblico presente, compresa panchina Soveratese, e anche del Presidente Loprieno che a fine partita a microfoni spenti afferma che e’ una delusione e un rammarico per tutto il Movimento Futsal assistere a scene vergognose del genere. Partita che riprende in un clima piu’ infuocato possibile, con il palazzetto che sembra l’ex stadio del Galatasaray “Ali Sami Yen”, e con l’Enotria che dal 55′ minuto in poi gioca col portiere di Movimento, ma e’ solo la Futura Energia che sfiora il doppio vantaggio con Chiaravalloti che trova la deviazione col tacco di La Salvia, e successivamente con Politi che sfiora il palo. Il terzo tentativo di Santise viene deviato e finisce in angolo, battuto dallo stesso numero 4 della Futura Energia, che filtra un pallone per l’accorrente “Dj Praja” Domenico Chiaravalloti che al 61′ , nel primo dei 3 di recupero dati dal duo arbitrale Carbone-Pedulla’ (gara da 6 la loro, nonostante due errori gravi nella prima frazione) ,insacca da 0 metri nel piu’ facile dei tap-in un goal di un importanza abissale. Esplode in un Boato di gioia tutto il palazzetto facendo registrare quasi una scossa di terremoto. Futura Energia Soverato avanti 2-0. Ancora portiere di movimento per l’Enotria (in C1 e’ quella che secondo il mio parere gestisce meglio possesso e occasioni col quinto uomo) ed ancora goal per la Futura Energia con “L’Hispanico” Christian Santise che mette dentro al 62′ il 3-0 facendo letteralmente riversare il pubblico quasi in campo per l’esultanza e tutta la panchina del Soverato che festeggia strabordando in campo.  Non c’e’ piu’ tempo e partita che finisce qualche secondo piu’ tardi.  Una partita ben giocata da entrambe le squadre nella prima frazione ma per quanto visto in tutto l’arco dell’incontro la Futura Energia Soverato ha strameritato il successo (il 3° assolo su 4 incontri in stagione contro la compagine catanzarese), riuscendo a incorniciare una prestazione di grinta, cuore, tattica e attributi e soprattutto non avendo sbavature dietro anzi subendo pochissimo con Loprieno impegnato in ordinaria amministrazione. L’Enotria perde una partita macchiata al 52′ dal brutto gesto di uno dei suoi giocatori migliori, se non il migliore, Fabrizio Rotella , che esce dal campo senza punti, con 3 reti nel sacco,  e soprattutto con una figura orribile e un ridimensionamento sportivo non di poco conto agli occhi di chi ha seguito la partita e di chi la vedra’ su ww.calabriawebtv.it . Nello Sport si e’ uomini leali prima e calciatori poi, e se si perde talvolta,  lo si dovrebbe fare non distaccandosi mai da valori sani come lealta’ sportiva e rispetto dell’avversario. Valori che di sicuro, per quanto visto quest’oggi, non sono presenti nella cultura sportiva dell’estremo difensore catanzarese e che sono stati offuscati dalla strabordante voglia di vittoria a tutti i costi con ogni fine o mezzo possibile, vittoria che oggi, ahime’ per lo sleale e antisportivo Rotella, non si e’ verificata. Enotria che subisce un brutto stop, non riuscendo ad approfittare dell’inaspettato arresto del Cetraro che perde 3-1 in quel di Siderno, rimanendo quota 38 punti proprio con la compagine cosentina, a -4 dalla sempre piu’ capolista Five Soccer del Bomber Emanuele Zurlo, di Mister Samu Pastori e del duo micidiale dei fratelli Andrea e Mario Capicotto. Futura Energia Soverato che festeggia la 6° vittoria assoluta in casa in questa stagione in campionato, agganciando quota 24 punti il Bovalino, riuscendo per la prima volta da tanto tempo ad uscire (anche se solo per differenza reti) dalla zona play-out. Ed anche se l’obiettivo visto la classifica dopo l’ultima partita del 2016 rimane la salvezza, si deve tener conto che la distanza di punti tra play-out e play-off si e’ ridotta drasticamente ed attualmente si ha la zona playoff  distante solo 5 punti. Ora, in ottica futura, un appuntamento importantissimo e’ quello di Sabato 25 Febbraio 2017, nel quale la Futura Energia si gioca una buona fetta di stagione, contro una Roglianese agguerrita allenata da uno straordinario Mr. Sicilia che di sicuro verra’ a Soverato per portare via l’intera posta in palio. (A.S. Futura Energia – Paolo Moniaci)

MAESTRELLI C5-LA SPORTIVA TRAFORO 4-1
Marcatori: 17′ aut. Maykon (M) 30′ Buffone (T) 33′ Arcudi (M) 47′ Lorenti (M) 60′ Calabrò (M)
Sconfitta a Reggio Calabria nonostante l’ottima prestazione. Risultato bugiardo rispetto a quanto prodotto in campo dai ragazzi. Un primo tempo molto equilibrato ma con il Traforo che ha le occasioni migliori, due sventate dal portiere e una che si ferma sul palo. Nella ripresa gli episodi non ci sono favorevoli e la Maestrelli ne approfitta per vincere la gara. (A.S. Traforo)

Foto di gruppo

ROGLIANESE-FUTSAL POLISTENA 3-4
Marcatori: 2′ e 12′ Milano, 40′ Gerbasi (R) 2 Paternò, Aziz, Briga (FP)
In vantaggio dopo 2 minuti con Milano i rossoneri dominano la gara, mettendo gli avversari alle corde. Dopo un palo clamoroso di Marsico, al 12′ raddoppia ancora Milano. La Roglianese è padrona del campo, ma invece di sferrare il colpo dep K.O i rossoneri allentano la presa permettendo agli ospiti di rientrare in partita,con 2 disattenzioni clamorose che chiudono il primo tempo sul risultato di 2-2. Ad inizio ripresa la gara cambia registro ed il Polistena passa in vantaggio. La reazione dei rossoneri è rabbiosa e dopo 19 minuti di assalto all’arma bianca, Gerbasi pareggia. La partita adesso è bellissima, entrambe vogliono il bottino pieno e i 2 portieri si esaltano in eccellenti interventi. La maglia nera delle occasioni sprecate se l’aggiudica Marsico, che, tra lo stupore generale, fallisce due occasioni clamorosissime. Il finale è di marca arbitrale, con i direttori di gara protagonisti negativi dell’episodio CLAMOROSO e CONTESTATISSIMO che decide la partita. Un pensiero va alla redazione di Calabriafutsal quando scrive le “paternali” contro le societá che si lamentano di arbitraggi scandalosi non rendendosi conto di come supponenza, presunzione e “mediocrità” la fanno da padrone tra le “giacchette nere”. Grande pomeriggio di futsal rovinato dalla coppia SAPIA-GALLACE, quando si dice che quattro occhi sono peggio di due. Tra gli orrori di oggi, quello più clamoroso nel minuto di recupero quando i due INETTI non fiachiano una ostruzione EVIDENTE E PLATEALE di Aziz su Cuconato, che perde malamente palla, consentendo agli avversari di segnare il gol vittoria. (A.S. Roglianese)

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Futura Energia Soverato pronta a tornare sul parquet

Solamente quattro anni fa, nel 2017, la Futura Energia Soverato alzava la Coppa Italia dop…