Home Archivio Serie D, l’analisi dei match del girone B

Serie D, l’analisi dei match del girone B

29 min. di lettura
0
0

C’era tanta attesa e tanto entusiasmo per il ritorno del campionato di serie D. Nel girone B, la prima giornata ci ha subito servito due derby e altre tre partite molto combattute. Il derby vibonese, tra Virtus SBS e S.S. Bruno è andato a quest’ultimi dopo una partita che ha visto un totale di diciassette marcature. Nell’altro derby, quello del cosentino, tra Belmonte calcio a 5 e gli esordienti dell’Atletico Cleto, i padroni di casa hanno fatto valere la loro maggior esperienza, guadagnandosi i tre punti. Iniziano con una vittoria casalinga anche Free Time Vibo Marina e Futsal Nuova Monterosso, entrambe le squadre si impongono di misura, rispettivamente contro il Futsal Cetraro  e il Domenico Sport. Unico pari della giornata è andato in scena a Falerna tra i padroni di casa della Costa Del Lione e il Boys Marinate di Vibo Marina.

BELMONTE C5 – ATLETICO CLETO = 7 -5

belmonte-c
Rigore sbagliato

Un inizio col botto per gli uomini del Mister Bruno che rende la 1° di campionato già molto affascinante da seguire e stimolante nel rapportarsi con le squadre avversarie. Nonostante i primi minuti statici, il gioco rimane prevalentemente palla a terra, con fraseggi più rapidi da parte del Belmonte e con l’Atletico a studiarne le fasi tattiche. Sulle fasce arrivano le occasioni più nitide che non vengono concretizzate sotto porta. Infatti il match si sblocca da calcio d’angolo, su schema che libera Veltri P. per il 1° gol stagionale. Il Cleto inevitabilmente di scopre alla ricerca della rete del pareggio e ne giova il bel gioco da parte dei padroni di casa che con scambi fluidi e sciolti rendono la partita pimpante. Sull’asse centrale gli spazi si aprono a favore del Belmonte che si porta sul 2 a 0 col suo capitano. Resiste il fortino difensivo casalingo, per merito anche del portiere che salva più volte la propria porta e fa ripartire la squadra, che incrementa ulteriormente il vantaggio grazie ai gol di Bruno G. prima e del capitano poi. Il film del primo tempo vede come prevedibile i padroni di casa in controllo del pallone e del gioco, ma con evidenti distrazioni che pagano amaro, il Cleto riesce in pochi minuti ad accorciare le distanze con due reti, di cui una su deviazione sul palo, e chiude il finale di tempo all’attacco.
Nella ripresa, col parziale di due distanze, il gioco resta vivace con le due squadre che se la giocano a viso aperto. Un’opportunità sciupata nasce dal rigore sbagliato del Belmonte che scheggia il palo a lato fuori. Il Cleto da canto suo non si fa attendere e tenta di non far ragionare il Belmonte, con pressing più alto e chiudendo gli spazi. Le giocate singole premiano ancora il Belmonte con la 5° rete, doppietta di Veltri P. , ripresa però subito dopo dagli avversari continuando ad accorciare il risultato. Le belle reti prima di Brusco G. da lontano e dopo di Bruno G. in ripartenza non frenano la determinazione del Cleto nel riacciuffare la partita, mettendo a segno altre due reti e facendo indietreggiare tutta la squadra del Belmonte per un finale da cardiopalma, con scontri di gioco al limite del fallo, nonostante un Fair play impeccabile. La solidità difensiva alla lunga premia il Belmonte che si aggiudica il match e porta a casa i suoi primi tre punti in classifica. Merito al Cleto che non ha mai smesso di crederci e ha reso la partita tutt’altro che noiosa. Giornata di calcio intensa e piacevole, condita meravigliosamente dai giocatori in campo e dai numerosi tifosi a seguito fuori. (Uff. stampa 
ASD Belmonte C5)

atl-cleto
Atl. Cleto

Dopo l’assaggio effimero di Coppa Calabria che ha visto l’Atletico uscire sconfitta dal doppio turno dei sedicesimi di finale, le aspettative verso l’esordio di campionato era tante. Trasferta sul difficile campo del Belmonte, squadra arcigna e ostica, già al terzo anno di militanza nel campionato. Come dirà Mr Frank a fine match, la partita è stata persa dalle nostre api biancorosse nel primo tempo. Parziale di 4 a 1 dopo un inizio promettente con fase difensiva accorta. L’errore di posizionamento su un corner regala il vantaggio agli avversari che poi controllano in scioltezza fino al fischio finale del primo tempo, approfittando in altre tre occasioni di errori dei singoli, che spezzano le gambe all’Atletico. Sul finire un autogol dei biancoamaranto, su azione di Bossio A. riaccende timidamente le speranze cletesi. Nel secondo tempo l’Atletico perde prima per infortunio Pate e poi perde concentrazione regalando due gol in attesa di un fischio arbitrale che non arriva. Sul finire moto d’orgoglio delle nostre api, che cercano di acciuffare il pareggio grazie alla tripletta di Cario e il gol di Briglio. La benzina e i minuti a disposizione non aiutano i biancorossi però, e l’esordio in campionato regala zero punti e tanti spunti per migliorare in settimana. Da segnalare un rigore sbagliato del Belmonte e il giallo a Briglio. (Uff Stampa Atletico Cleto FCD)

COSTA DEL LIONE C5 – BOYS MARINATE (ORE 16:00) = 1 – 1

costa-del-lione-team
Costa del Lione

Partenza con il freno a mano tirato per una Costa costretta a cedere il punto ad una formazione che non lascia spiragli agli attacchi dei padroni di casa. Sin da subito si capisce che gli ospiti chiudono bene e che il numero uno Zaccaria ha dalla sua un’esperienza ultra decennale. Già al 3° si oppone in uscita ad El Khattabi solo e frettoloso. Un minuto più tardi è Crialesi a chiudere bene su Condò, liberatosi al tiro, deviando in angolo. Sul corner, i padroni di casa riconquistano palla e mandano Floro al tiro, ma di destro manda di poco a lato. Al 7° è Masi che sfiora il palo opposto con un sibilante diagonale. Il minuto successivo è ancora Masi, che dopo uno splendido schema su punizione, manda ancora oltre la porta avversaria. Inaspettatamente al 13° è Cimato a trovare il vantaggio bucando da posizione defilata Crialesi. 0 a 1. Risponde prontamente De Cario che un minuto più tardi prova con una percussione ma prima il palo, e sulla ribattuta, Zaccaria gli negano la gioia del goal. Gli ospiti badano solo a difendersi e chiudono tutti gli spazi così che le occasioni per i gialli (n.d.r.) di Mister Pellegrino si assottigliano. Al 17° Russo non trova la porta spalancata su azione da calcio d’angolo. Al 22° è Scarfò a segnare la sua rete, salvando in extremis sulla linea il pallone diretto nel sacco. Ad un minuto dalla fine si ripete l’errore a porta spalancata su calcio d’angolo per mano (si fa per dire) di Mastroianni. Due minuti di recupero dovuti ai Time-out e nulla di più. Il direttore di gara manda tutti negli spogliatoi.

Si ricomincia e subito Crialesi si rende protagonista di un intervento salva score chiudendo lo specchio con una mano in uscita. Al 37° Russo in ritardo non chiude il diagonale di Floro. Gli ospiti prendono convinzione e provano con le ripartenze a sorprendere i ragazzi di casa, così è Marchio che da buona posizione manda a lato al 38°. La partita diventa nervosa per le scorrettezze degli ospiti che con esperienza irretiscono i falernesi. Si capisce che solo con un episodio può cambiare il risultato, un episodio oppure la grinta di un condottiero. E così al 42° Morabito recupera di petto un rilancio del portiere, avanza due metri e mezzo e lascia partire il suo sinistro che trafigge Zaccaria. 1 a 1. Risponde subito il Marinate che con Marchio al 43° spedisce alto da buona posizione. La chiusura e le ripartenze degli ospiti sono predominanti in modo da impedire ai leoncini di costruire azioni ficcanti. Anzi, in una di queste ripartenze al 50° sfiorano il vantaggio con Marchio ma un Crialesi, caricatissimo, si supera e con una prodezza nega il goal all’avversario. Tre minuti dopo è ancora Crialesi che salva il pareggio, esibendosi in un doppio intervento spettacolare che esalta se stesso ed i tifosi. L’ultima speranza per i biancorossi di casa si infrange al 61° sui guanti di Zaccaria. Poi non si gioca più per un motivo (troppi falli) o per un altro (poca lealtà degli ospiti) e così l’arbitro decreta la fine delle ostilità. Peccato, due punti persi, l’importante e capire gli errori commessi e riprendere il cammino a testa alta. (Uff.Stampa Costa Del Lione C5)
15183816_1166636396706138_7214150_o
SSD Boys Marinate

Buona la prima per il Boys Marinate. Bella partita giocata bene tatticamente dalle due squadre, quella di ieri al Centro Happy Day  di Falerna. Sicuramente non ne ha guadagnato lo spettacolo in termini di gol ma si sono viste due squadre grintose e vogliose di prevalere una sull’altra con due tattiche diverse. Inizia meglio la squadra di casa che crea qualche occasione ma niente di particolare che possa impensierire il portiere ospite Zaccaria. Dopo tredici minuti sono gli ospiti ad andare in vantaggio con Cimato, e con la squadra di casa propensa ad attaccare a testa bassa per poco al ventiduesimo non trovano il raddoppio grazie ad un salvataggio sulla linea di Scalfò. Il secondo tempo si apre per come prevedibile con la squadra di casa votata all’attacco alla ricerca del pari, ma con i ragazzi di mister De Pinto che chiudono bene tutti gli spazi soprattutto sul gioco nelle fasce laterali. Ma una dormita generale, consente a Morabito al dodicesimo del secondo tempo di raggiungere il pari. Da li in poi la partita si rende vivace e sia il Boys che il Costa del Lione hanno avuto la possibilità di passare in vantaggio, possibilità negata solo grazie alla bravura dei due portieri in campo.
Soddisfatto Gianni Di Si: “Un buon punto se pensiamo che ottenuto in casa di quella che secondo me resta la favorita alla vittoria finale. Siamo stati bravi ad irretirli soprattutto nel gioco sulle fasce, infatti alla fine hanno provato a scardinare la nostra difesa per vie centrali senza per’altro riuscirci.. La differenza come collettivo ancora si vede, infatti loro sono una squadra ben organizzata in tutti i reparti mentre noi per via dei molti cambiamenti ancora dobbiamo oliare alcuni meccanismi, soprattutto in fase offensiva. Comunque alla fine penso che il pari sia il giusto risultato, anche se forse loro pensavano di far un sol boccone della settima classificata dello scorso campionato”. (Uff. Stampa SSD Boys Marinate)

FREE TIME – FUTSAL CETRARO = 2 – 1

futsal-cetraro-free-timePartita che inizia su ritmi abbastanza alti, le squadre giocano a viso aperto scambiandosi attacchi reciprochi. Il vantaggio è della squadra di casa che, su un calcio d’angolo, approfitta di una disattenzione difensiva del Cetraro e insacca l’uno a zero. Da lì, la squadra di casa pensa a restare dietro la linea del pallone lasciando al Cetraro il pallino del gioco. Gli ospiti ne approfittano e, sfruttando un’azione abbastanza veloce dopo uno scambio tra esterni, pareggiano i conti.
Il gol scuote ancor di più il Cetraro che sembra avere una marcia in più. Infatti, a quasi fine primo tempo rischia di passare in vantaggio con un contropiede che lancia l’attaccante solo contro il portiere, ma non viene capitalizzato. Nel primo tempo da sottolineare grandi interventi del portiere degli ospiti Bernardo. Il secondo tempo inizia con i padroni di casa molto aggressivi che provano a cambiare il punteggio con alcuni tiri dalla distanza ma che si scontrano sempre con un grande Bernardo. Gli ospiti hanno la possibilità di andare avanti nel punteggio con tre contropiedi, tre contro un solo difensore, ma vengono malamente sciupati. A pochi minuti dal termine è un tiro libero a dare il vantaggio e la vittoria alla Free Time. Grande rispetto in campo tra le squadre. L’unica pecca della giornata è stato l’arbitraggio, a tratti imbarazzante. (Uff. Stampa Futsal Cetraro)

Vince 2-1 nei minuti finali, la Free Time di Vibo Marina. Vittoria importante per la squadra del presidente Catanese che viene da una bella stagione e che da continuità alla propria squadra. Partita molto equilibrata tra le due formazioni. I portieri progonisti nella parte centrale del match dove la Free Time spreca molto anche se inizialmente non rischia nulla. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo è Ferraro a dare il vantaggio ai vibonesi. Il Cetraro abbozza una reazione ma è tenuto in partita dal suo bravo portiere che rende vani gli assalti dei giocatori di casa. Gli ospiti riorganizzati, riescono a trovare il pari. E’ solo nei minuti finali che la partita si tinge di colore bianco blu, quando Cullia, approfitta di un tiro libero e regala la vittoria ai ragazzi di mister Nico Pettinato.

FUTSAL N. MONTEROSSO – DOMENICO SPORT = 6 – 5

14991999_1178608745557310_6361605181884957460_n
il presidente Pietro Denisi

La Futsal Nuova Monterosso ospita la Domenico Sport al Palasport di Monterosso Calabro, per la prima giornata di Campionato. Mister Piacente orfano di Ceravolo, deve rinunciare in extremis anche a Maio. Roster iniziale allora con Mesiano tra i pali, Pulerà al centro, Gugliotta e Gullì S. sugli esterni e Valotta pivot. Apre le marcature Gugliotta in una partita fatta di alti e bassi per entrambe le squadre. Al decimo minuto infatti la Futsal conduce 1-0 e con 5 falli subiti. Al diciannovesimo pareggiano gli ospiti e al ventiduesimo si portano in vantaggio sfruttando un tiro libero. Due minuti dopo tocca a Valotta che prima pareggia, poi realizza un grande goal per il sorpasso. Primo tempo che finisce con il punteggio di 3-2 in favore dei locali. Avvio veemente quello della Domenico Sport all’uscita dai box: in soli undici minuti di gioco infatti trova tre goal di fila che portano il risultato sul 3-5. La Futsal nel momento del bisogno trova la reazione che passa attraverso la grinta di capitan Gugliotta che trova il 4-5. A sette minuti dalla fine Gullì S. trova il pareggio per la Futsal ed al ventisettesimo del secondo tempo Valotta fa esplodere ancora il Palasport portando i padroni di casa in vantaggio. Nei restanti minuti di gioco, compreso recupero, la Futsal si tiene ben stretta la prima sofferta ma meritata vittoria. (Uff. stampa Futsal Nuova Monterosso)

VIRTUS SBS – SAN BRUNO = 7 – 10

serra-s
Selfie vittoria

Il ritorno in campo di una squadra di Serra S.Bruno, dopo un anno sabbatico, è segnato da una vittoria. Importante, bella e sicuramente stravoluta, poiché ottenuta contro gli amici/rivali della Virtus SBS in un derby che non ha fatto per nulla mancare le emozioni. Mister Pisani a guidare la Virtus da un lato, il suo amico ed ex giocatore Gianni De Raffele dall’altro lato sono riusciti a consegnare al buon pubblico presente, un match da ricordare. San Bruno senza cinque elementi del calibro di Gregorio De Caria, Bruno Ciconte, Lucio Zaffino, Bruno Franzè e il portierone Angelo Carrera e con quattro ragazzi del 1990 in campo. Nonostante ciò, a fare la partita è la squadra ospite che, trascinata da uno straripante Diego De Raffele (illustre figlio d’arte dell’attuale tecnico e vecchio bomber serrese Gianni) autore di tre gol, riesce a mettere subito in chiaro le cose. La Virtus cerca di rispondere colpo su colpo ma a vincere sono comunque i “leoni di Serra” che siglano 10 reti e divorano tante altre occasioni, subendone solo sette. Insomma, buona la prima per mister De Raffaele che in attesa dei suoi top player si gode i suoi giovani gioiellini e lancia un segnale forte al campionato: il Serra è tornato!

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Coppa Italia Dilettanti, semifinali: risultati e marcatori delle gare di ritorno

Si sono disputate le gare di ritorno delle semifinali della Coppa Italia Dilettanti, di se…