Home Beach Soccer Qualificazioni Europee, l’Italia batte anche la Svizzera e chiude a punteggio pieno

Qualificazioni Europee, l’Italia batte anche la Svizzera e chiude a punteggio pieno

7 min. di lettura
0
0

L’Italia, con la fase finale dell’Europeo già in tasca dopo le prime due giornate (successi contro Francia e Polonia, quest’ultimo ai rigori), chiude la fase di qualificazione con una vittoria per 6-5 contro la Svizzera. Sulla sabbia di Nazarè, la squadra di Emiliano Del Duca festeggia il primo posto nel gruppo 2 e ora può guardare con ottimismo alle qualificazioni mondiali, al via lunedì sempre sulla spiaggia portoghese. “Una grande partita, molto combattuta, contro una squadra dalle qualità fisiche e tecniche – le parole del c.t. azzurro -. I ragazzi sono stati bravi, un gruppo fantastico che con tenacia ha tenuto botta e ha conquistato il primo posto nel girone. Il primo obiettivo è stato centrato, da domani la testa tutta sulle qualificazioni mondiali”. Grande protagonista il solito Gabriele Gori, autore di un poker: “C’è grande soddisfazione per questo risultato ottenuto con sacrificio: siamo stati forti – dice -. Non abbiamo mai mollato, siamo stati bravi a portare la vittoria a casa. Ora stacchiamo per qualche ora, ma la nostra concentrazione va subito sulla qualificazione al mondiale”. L’Italia ha giocato con il lutto al braccio nel ricordo di Giampiero Boniperti.

La partita Del Duca, che deve rinunciare allo squalificato Josep jr., inizia con Del Mestre, Corosiniti, Marinai, Percia Montani e Gori. La Svizzera parte meglio e si porta in vantaggio dopo neanche due minuti con un gran gol di Eliott, uno dei migliori portieri del mondo nel gioco con i piedi: l’ex Terracina lo dimostra, calciando all’incrocio dalla lunga distanza. Poco dopo arriva anche il raddoppio di Hodel con una splendida rovesciata. L’Italia, però, non si dà per vinta, e accorcia le distanze a metà primo tempo con Zurlo, che ribadisce in rete una corta respinta di Eliott sul destro di Sciacca. Gli svizzeri ristabiliscono il doppio vantaggio con un calcio di punizione di Borer, che inganna Del Mestre. Il primo tempo non smette di regalare emozioni: l’Italia lo chiude sul 3-3 grazie a due rigori trasformati da Gori e Zurlo.
Il secondo tempo regala meno emozioni: l’unico gol in 12 minuti è quello di Gori, a cui basta una conclusione sporca, con Eliott che non riesce a evitare che il pallone oltrepassi interamente la linea. Nel finale del secondo tempo palo di Marinai su tiro libero, dopo che la Svizzera aveva subito l’espulsione di Tchatat.
Il terzo tempo si apre con una grande azione, tutta di prima, della Svizzera, che da due metri trova il 4-4 con il tocco decisivo del veterano Spaccarotella. L’Italia però si riporta avanti con una giocata da urlo di Gori. Il nuovo pivot del Catania inchioda il pallone sulla sabbia e con un numero manda a vuoto due avversari, chiudendo in porta con il destro, il piede “debole”. E’ una partita infinita: la Svizzera la pareggia ancora con Eliott, che alza un pallone che inganna Del Mestre complice, forse, la deviazione impercettibile di Ruttimann. Il gol partita lo realizza sempre lui, sempre Gabriele Gori, infallibile su rigore: poker per lui, doppietta per Zurlo. E l’Italia vola.

SVIZZERA-ITALIA 5-6 (3-3; 0-1; 2-2)
SVIZZERA: Eliott, Ostgen, Borer, Spacca, Hodel; Steinemann, Ruttimann, Tchatat, Looser. Ct. Schirinzi
ITALIA: Del Mestre, Corosiniti, Marinai, Percia Montani, Gori; Carpita (GK), Spada (GK), Zurlo, Palmacci, Vaglini, Sciacca, Miceli. Ct. Del Duca
Arbitri: De Oses (Spagna), Gomes Soares (Portogallo)
Reti: 1’43’’ pt Eliott, 4’50’’ Hodel, 6’02’’ Zurlo, 7’04’’ Borer, 8’06’’ rig. Gori, 9’06 rig. Zurlo, 7’02’’ st Gori, 1’22’’ tt Spacca, 6’17’’ Gori, 6’31’’ Eliott, 6’50’’ Gori
Note: Espulso Tchatat, ammoniti Spacca, Borer

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Beach Soccer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Otto anni di Soriano per capitan Greco

Da dicembre 2013 ha sposato la causa rossoblu senza mai lasciarla, divenendo uno dei gioca…