Home Calcio AMARCORD, pillole sulla stagione calcistica 2010/2011

AMARCORD, pillole sulla stagione calcistica 2010/2011

53 min. di lettura
0
0

Nella raccolta qui di seguito, un pò di tabellini e commenti sulla stagione 2010/2011. Si ringraziano le testate giornalistiche ed i colleghi che hanno concesso gli articoli dell’epoca.

L’Acri vince il massimo campionato regionale di ECCELLENZA con 65 punti, quattro in più del Comprensorio Montalto Uffugo. Decisiva, per gli uomini di mister Andreoli, la vittoria casalinga sul Roccella firmata dal bomber Paolo Gallo.

L’undici dell’Acri nella sfida decisiva

ACRI-ROCCELLA 1-0 (gara promozione)
Acri: Di Iuri, Bonomo, Mirabelli, (20′ st Piluso), De Luca, Cavatorti, Deffo, Leone, Perrelli, Provenzano, (40′ st D’Argenio), Domanico, Brillante (1′ st Gallo). In panchina: Mauro, Perri, Longobucco, Urso. Allenatore: Andreoli
Roccella: Carobene, Curtale, Pistininzi, Favasulli, Battaglia, Romeo, Panaia, (20′ st Minnella), Calabrese, Saffioti, Principato, (20′ st Fiorino), Pascu (25′ st Libri). In panchina: Tucciano, Carrà, Tirotta, Sorgiovanni. Allenatore: Figliomeni
Marcatori: 38′ st Gallo (A)
Arbitro: Sassarelli di Bari (Torchia di Lamezia e e Esposito di Catanzaro)
Note: Ammoniti; Mirabelli (A). Espulsi al 39′ st Pistininzi (R) e Fiorino (R) per proteste

Mister Andreoli festeggia la serie D

L’Isola Capo Rizzuto si aggiudica i play off a sorpresa, da quinta classificata, eliminato il favorito Compr. Montalto Uffugo (1-0; 1-1) ed il Soverato (2-1; 2-2). Ai play off interregionali, però, la formazione crotonese viene eliminata subito dalla Sarnese.
LINK articolo correlato: https://calabriadilettanti.it/la-storia-dei-play-off-interregionali-focus-sullultimo-decennio/.

Spareggio

Il San Marco ed il Brancaleone vincono i rispettivi gironi del campionato di PROMOZIONE. I cosentini del tecnico Curcio la spuntano nel girone A con 62 punti, al termine di un torneo molto competitivo, basti pensare che la classifica finale vede le prime cinque nel giro di otto punti; i reggini di mister Brando, invece, hanno vita più facile nel girone B, vinto con 70 punti, ben otto di vantaggio sul Siderno del tecnico Fiorenza, secondo classificato. Proprio quest’ultimo, infatti, sarà anch’esso promosso dopo lo spareggio tra le vincenti play off dei due gironi, in campo neutro, in cui batte il San Lucido per 2-1.

La festa del Brancaleone

SAN LUCIDO-SIDERNO 1-2
Marcatori: 14′ Rumbo (SI) 41′ Catalano (SI) 46′ pt De Luca (SL)

SUPERCOPPA DELLA REGIONE
SAN MARCO – BRANCALEONE 2-5 dcr (1-1)
San Marco: Ricci, Esposito, Bartucci, D’Angelo, Salerno, (dal 35′ Rimondi), Principe, Baulè, Paciola, (dal 35′ Spadafora), Lombisani, Tripodi, Conte. Allenatore: Curcio
Brancaleone: Cotroneo, Sgrò, Genova, Battaglia, Ielo, Foti, Galletta G., Galletta S., Petronio, Borrello, Nicita. Allenatore: Brando
Arbitro: Palmieri di Crotone (Iulianelli e Chiapetta di Cosenza)
Marcatori: 29′ Zerbi (B) 43′ Conte (SM)
Sequenza rigori: Foti (B) gol, Lombisani (SM) gol, Nicita (B) gol, D’Angelo (SM) fuori, Ielo (B) gol, Bartucci (SM) parato, Borrello (B) gol.
Note: Espulso Galletta S. al 45′
ACRI-SAN MARCO 2-0
Acri: Di Iuri, Leone, Mirabelli, De Luca, Cavatorti, Deffo, Piluso, Perrelli, Gallo, Domanico, Brillante. Allenatore: Andreoli
San Marco: Ricci, Baulè, Salerno, D’Angelo, Bartucci, (dal 20’Campagna), Spadafora, Raimondi, Paciola, Rio, Lombisani, (dal 30′ Palmieri), Conte. Allenatore: Curcio
Arbitro: Cavaliere di Paola (Iulianelli e Chiappetta di Cosenza)
Marcatori: 35′ Piluso (A) 38′ Brillante (A)
ACRI-BRANCALEONE 1-0
Acri: Mauro, Perri, Caruso, D’Argenio, Lepore, Deffo, (dal 30′ Cavatorti), Leone, Perrelli, (dal 20′ De Rose), Provenzano, Zicarelli, Urso. Allenatore: Andreoli
Brancaleone: Cotroneo, Sgrò, (dal 30′ Galletta D.), Gligora, Genova, Battaglia, Zerbi, Foti, Galletta G., Petroneo, (dal 30′ Napoli), Borrello, (dal 24′ Musumeci), Nucita. Allenatore: Brando
Arbitro: Michienzi di Lamezia T. (Iulianelli e Chiappetta di Cosenza)
Marcatore: 40′ Urso rig. (A)
Note: Espulso Cotroneo (B) al 40′

Acri
Brancaleone
San Marco

COPPA ITALIA DILETTANTI
SCALEA-SOVERATO 1-0
SOVERATO: Lombardo, Arena, Spanò, Certomà, Minici, Coluccio, Papaleo, Canino (64′ Marziano), Ciaccio (83′ Micelotta), Tolomeo, Criniti. A disp: Ottavio, Mellace, Matozzo, Rosi, Voci. Allenatore: Galati
SCALEA: Fedele, Oliva, De Miglio, Ferraro, Vitale, Scafaro, Foderaro, Vanzetto, Longo (83′ Cambria), Barillari (79′ Leta), Prete. A disp: Basuino, Sarro, Spataro, Attanasio, Amendola. Allenatore: Viola
MARCATORI: 12′ Aut. Coluccio (SC)
ARBITRO: Fiorini di Frosinone (assistenti Lumastro di KR D’Amico di Rossano 4° Cefalà di Lamezia T.)
NOTE: Ammoniti: Spanò. Minici (SO) Ferraro, Scafaro (SC).
Il cielo è biancostellato sopra Lamezia Terme. Lo Scalea di Franco Viola infatti conquista la Coppa Italia Dilettanti, la prima della propria storia, al termine di una gara non spettacolare, ma comunque dall’importanza indiscutibile, contro il Soverato. Un match come detto non bellissimo, e deciso nel primo tempo da un tiro di Vitale sporcato da Coluccio. Ma è bastato tanto per mandare in estasi una tifoseria, quella biancostellata, che ha sostenuto dal primo all’ultimo minuto i propri beniamini. Va male invece al Soverato di Galati, che non riesce a dare peso offensivo alla propria manovra, causa anche del centravanti Eseola, all’andata in grado di fare reparto da solo. Il tecnico dei cavallucci marini cambia parecchio rispetto alla gara del Lorenzon, oltre che inserendo Ciaccio in luogo di Eseola, dando spazio in difesa a Certomà al posto di Voci. Minici invece prende il posto di Micelotta. Nello Scalea Viola deve rinunciare a Spingola. Al suo posto Fedele, mentre in difesa De Miglio agisce a sinistra. Per il resto l’unica novità è l’attacco Prete-Longo, con Cambria in panchina. Il primo pericolo della gara lo regala Tolomeo: lo stesso infatti raccoglie un assist di Minici, ma tutto solo spara altissimo da buona posizione. Pochi minuti dopo il gol che assegnerà la Coppa: Vitale lascia partire un tiro da fuori area deviato da Coluccio, la traiettoria non lascia scampo a Lombardo che deve capitolare. Il gol non scuote il Soverato, pericoloso solo per vie laterali. Prima della mezz’ora i tirrenici potrebbero chiudere i conti ma, dopo una lunga cavalcata di Foderaro, è Prete a non centrare la porta da posizione centrale. Si va al riposo sull’1-0. Nella ripresa il Soverato sembra farsi più propositivo, ma gli unici pericoli li crea sugli sviluppi di calci piazzati: prima Criniti su punizione, poi Arena sugli sviluppi di un corner, ma Fedele risponde presente. Lo Scalea si affida ad un tiro da fuori di Vitale e due rovesciate di Longo, comunque non pericolose. Nemmeno l’ingresso della punta Marziano cambia l’inerzia della gara, che regala l’ultimo brivido su un cross da destra del Soverato agguantato da Fedele. E’ festa grande per lo Scalea ma non mancano le polemiche, con il Soverato che si rifiuta di stringere la mano agli avversari e che non vuole ricevere la coppa del secondo posto. Ma l’attenzione è tutta sulla festa dei biancostellati.

Scalea
Soverato

La PRIMA CATEGORIA vede trionfare Cremissa (girone A, 80 punti), Rocca (girone B, 68 punti), Nuova Curinga (girone C, 64 punti) e Gioiosa Jonica (girone D, 64 punti). I due spareggi dei play off premiano, invece, Roggiano (girone A contro girone B) e San Calogero (girone C contro girone D).

Festa Curinga

San Calogero

COPPA DELLA REGIONE 
Il Cremissa dei record, che ha vinto in girone A di prima categoria da imbattuto, con ben 80 punti in 30 gare (25 vittorie e 5 pareggi), si aggiudica anche la Coppa della Regione disputata sul manto erboso dello stadio Punta Alice di Cirò Marina. La compagine di casa, allenata da mister Lomonaco, è riuscita ad avere la meglio sul Gioiosa Jonica in semifinale e sul Curinga in finale, alzando il trofeo in una stagione che resterà negli annali del calcio calabrese. Prima gara tra i padroni di casa ed il Gioiosa Jonica di mister Logozzo che termina a reti inviolate, i granata cirotani la spuntano ai calci di rigore per 4-2. Nella seconda semifinale, il Curinga prevale, sempre dopo i tiri dal dischetto, sul Rocca Calcio. Parità nei 45′ di gioco, stavolta per 1-1: a Serravalle per i rocchitani, al trentesimo minuto, risponde Arcuri per i curinghesi cinque minuti più tardi. Dal dischetto, poi, 5-3 per la compagine di mister Barone. Gioiosa Jonica e Rocca che si ritrovano in finale per il terzo posto, prevalgono i biancorossi, che rifilano un 5-3 dal dischetto alla compagine di mister Fragale. Finalissima tutta da vivere, arbitrata da Santoro di Paola, tra Cremissa e Curinga. Padroni di casa in vantaggio con Rocca al quarto d’ora, che insacca schiacciando di testa in rete. Il pari al trentacinquesimo con Gigliotti, ma nemmeno il tempo di riprendere le ostilità, che Piperis inventa un pallonetto meraviglioso dalla distanza, che coglie impreparato il giovanissimo portiere del Curinga: è la rete che vale il trofeo. Cremissa campione davanti ai propri tifosi e che chiude nel miglior modo possibile una stagione magica.

Cremissa – Gioiosa J. 4-2 dcr (0-0)
Arbitro: Bruno di Rossano
Curinga-Rocca 5-3 dcr (1-1)
Marcatori: 30′ Serravalle (R) 35′ Arcuri (C)
Arbitro: Milone di Taurianova
Gioiosa J-Rocca 5-3 dcr (0-0)
Arbitro: Baretta di Rossano
Cremissa-Curinga 2-1
Marcatori: 15′ Rocca (CR) 35′ Gigliotti (CU) 36′ Piperis (CR)
Arbitro Santoro di Paola

Cremissa: De Gennaro G., Russo, Scigliano, Stasi, Todaro, Vulcano, Zurlo, Salerno, Pantisano, Piperis, Danti, Cava, Caligiuri, De Gennaro C., Benevento, Alfi, Rocca. All. Lomonaco
Curinga: Michienzi, Rondinelli, Colloca, Vasta, Di Cello S., Frija, Gigliotti, Martinez, Olivo, Arcuri, Di Cello L., Grandinetti, Senatore F., Senatore A., Russo. All. Barone
Gioiosa Jonica: Romeo, Alhanese, Logozzo, Pizzata, Squillace, Barilà, Cortale, Papalia, Tavernise, Sainato, Rava, Fragomeni, Scali, Lucà, Panetta, Galluzzo, Andrano, Coluccio, Palermo. All. Logozzo
Rocca: Schiaccianoce, Rizza, Stefanizzi, De Rito, Crupi, Zoffreo, Facente, Zoffreo L., Giungato, Serravalle, Arabia, Macrì, Frijo, Bona, Calzone, Pulerà, Bilotta. All. Fragale

LINK: https://calabriadilettanti.it/doppietta-cremissa-anche-la-coppa-della-regione-e-in-bacheca/

Coppa Calabria
ARS. TREBISACCE-POLISTENA 3-0

ARSENAL TREBISACCE: La Banca V.; Barone, Liguori, Bellitti, Armentano (25’st Dursi); Lista, Pignanelli, Mundo; La Banca S. (38’ st Ghazy), Forte, Partepilo (32’ st Rusciani). In panchina: Bevilacqua, La Polla, Scarpino, Lofrano. Allenatore: Rusciani
POLISTENA: Misale; Tramontana, Papalia (19’ st Guerrisi), Rovere, Galatà A.; Ursu, Sorace, Politanò, Buzzai; Varamo, D’Agostino. In panchina: Galatà P., Vecchiè, Neri, Vizzari, Policriti, Hutu. Allenatore: Sorace
ARBITRO: Fabiano di Catanzaro (Cantafio E Torchia di Lamezia Terme)
MARCATORI: 40’ pt Mundo (T) 16’ st, 20’ st Forte (T)

Festa Arsenal Trebisacce
Arsenal Trebisacce
Polistena

Capo Sud

In SECONDA CATEGORIA vengono promosse direttamente Cariatese (girone A, 69 punti), Aprigliano (girone B, 59 punti), Fronti (girone C, 62 punti), N.T. Melissa (girone D, 58 punti), Pontegrande (girone E, 58 punti), Santa Caterina (girone F, 65 punti), Zungrese (girone G, 58 punti), Capo Sud (girone H, 62 punti). Gli spareggi tra le vincenti play off per determinare le ulteriori quattro promozioni sono Krosia-Askalos 2-3 (A contro B, a San Marco); Campora San Giovanni-Casabona 2-0 (C contro D, a Soverato); Prasar-Nuova Valle 5-3 dcr (E contro F, a Santa Maria di Catanzaro); Pol. Laureanese-Taureana 3-5 dcr (G contro H, a Siderno).

Santa Caterina
Zungrese

POLISPORTIVA BOVESE-CAPO SUD 2-2 (gara promozione)
MARCATORI: 32′ Criseo (B) 33′ Nunnari (CS) 71′ Palamara (B) 74′ G. Romeo (CS)

Festa Askalos

Festa Campora

LAUREANESE-TAUREANA 3-5 dcr (spareggio gironi G contro H)
Grandissimo risultato calcistico a Palmi grazie al Taureana che ha raggiunto meritatamente la promozione in Prima categoria dopo la vittoria ottenuta ai rigori nello spareggio contro la Laureanese sul neutro di Siderno dopo aver conquistato i play-off del girone H.
I ragazzi di mister Guerino Amoroso hanno giocato la finale alla grande passando in vantaggio con Porfida per poi subire il ritorno della Laureanese e l’1-1 che ha portato le due squadre ai supplementari. Che fosse la giornata giusta l’undici di Amoroso lo ha capito probabilmente ad un passo dai rigori, quando un attaccante avversario si è fatto respingere il pallone da Pagano a pochi metri dalla porta. Poi tutti davanti il crudele dischetto dove il Taureana ha avuto la meglio grazie alle realizzazioni di Squadriti, Porfida, Bracco e Zappone per il 5-3 finale.
Immediatamente è iniziata la festa per la promozione meritata arrivata dopo un campionato in crescendo chiuso al quarto posto dopo che qualche partita persa aveva fatto precipitare i gialloverdi palmesi nella parte destra della classifica. La rimonta è partita al giro di boa e nella seconda parte della stagione ha visto in campo una squadra con uno spirito diverso. In parte hanno influito alcuni rinforzi, in parte la crescita generale di un gruppo con tante buone individualità che ha avuto bisogno del tempo necessario per amalgamarsi. Giusti meriti, dunque, a Guerino Amoroso, tecnico che è stato bravo ad affrontare le difficoltà con l’esperienza giusta, operando delle scelte che alla fine si sono rivelate azzeccate.

In TERZA CATEGORIA vengono promosse Torano (girone A, 51 punti), Olympic Acri (girone B, 51 punti), Orsomarso (girone C, 48 punti), Sammartinese (girone D, 47 punti), Pro Mesoraca (girone E, 51 punti), San Pietrese (girone F, 55 punti), Taverna (girone G, 62 punti), Ambrosiana (girone H, 52 punti), Allarese (girone I, 55 punti), Tropea (girone L, 58 punti), Real Melicucco (girone M, 45 punti), Villa San Giuseppe (girone N, 48 punti). Queste, invece, le finali play off: Civita-Y.B. Cassano (1-0; 1-3); Vill. Frassa-Vigor Acri (1-0; 2-1); S. Agata d’Esaro-Fagnano (0-2; 0-1); Bianchi Dil.-Belsito (1-2; 2-1 dts); S. Leonardo-Olimpia Real Silana (?; 3-5 poi 3-0 a tav.); Excalibur Fronti-Oratorio Frassati (3-3; 2-3); Soveria Simeri-R. Simeri Crichi (0-0; 1-0); Montauro-Torres Maria (?, 1-2); Soriano-ACD Piscopio (3-0 a tavolino ed esclusione Piscopio, sospesa sullo 0-1 per rissa); Briaticese-Real Piscopio (4-3, 1-1); Lillo Formica-Moschetta (?; 1-3); Condofuri-Virtus Villese (2-1, 0-3 a tav.) (sospesa sull’1-2 al 45′).

Torano
Allarese
Tropea
Belsito
Torres Maria
Virtus Villese

ORSOMARSO-CLETO 7-0 (gara promozione)
ORSOMARSO: Nepita M., Pappaterra, Blundi, Farace Gi., Rotondaro A., Fontaine, Nepita A., Rotondaro M., De Lia, Galtieri, Rotondaro E. A disp: Forestieri, Russo, Bencardino, Farace Ga., Posteraro, Nepita F., Corbelli. All. Nepita F.
MARCATORI: 15′ De Lia (O) 17′ Galtieri (O) 34′ Rotondaro E. (O) 38′ De Lia (O) 75′ Rotondaro A. (O) 80′ Posteraro (O) 90′ Farace Ga. (O)

Festa Orsomarso

L’annunciata, storica vittoria dell’ASD Orsomarso nel Campionato di Terza categoria con una giornata di anticipo ha scatenato l’entusiasmo dell’intero paese. I caroselli delle macchine per le vie principali, la banda musicale fra cori e danze; infine, il parroco don Mario Spinicci ha fatto suonare le campane a festa mentre un gruppo di giovani è salito sulla torre dell’orologio per esporre un grande striscione che ricorda questo memorabile evento. Perché proprio di questo si tratta: oggi a Orsomarso è stata scritta una pagina di storia, una vittoria nel più piccolo dei campionati di calcio dilettantistico che per questo gruppo e per l’intero paese valgono quanto uno scudetto di serie A. Molto significativa e commovente è la dedica di questa vittoria al compianto campione Alberto Farace, con la visita alla sua tomba e la deposizione di una targa subito dopo il fischio finale. Dopo una lunga cavalcata l’Asd Orsomarso vince il campionato di terza categoria, il primo per una società di calcio orsomarsese. Grande merito va al mister Francesco Nepita capace di collaudare una grande squadra, formata da grandi giocatori con un passato anche in categorie superiori ed un gruppo di giovani orsomarsesi doc pieni di entusiasmo e carica agonistica. Successo da condividere con l’intera società guidata dal presidente Mimmo Guaglianone e con un pubblico sempre caloroso, sia in casa che in trasferta.
Ma passiamo alla cronaca del match di oggi. L’Orsomarso parte subito all’attacco sbancando un Cleto mai entrato in campo. Al 7′ è Rotondaro E. con un potentissimo destro ad impegnare il portiere che respinge in corner. Al 13′ minuto il Cleto conquista una punizione dal limite, ma il portiere locale è bravo a bloccare. Al 15′ cross di Fontaine, il portiere sbaglia l’uscita e di testa De Lia insacca facendo esplodere di gioia i tantissimi tifosi presenti sugli spalti. Passano appena due minuti e Galtieri con un forte sinistro dal limite mette in rete alla destra del portiere. L’Orsomarso ha il controllo del match, i tifosi sugli spalti vedono il traguardo vicino, al 21′ Rotondaro serve un grande pallone a Fontaine il quale calcia di poco alto sopra la traversa. Al 28′ grande azione di Fontaine, in grande giornata oggi, crossa a De Lia un grande pallone, dando l’illusione ottica del gol. Al 34′ gran gol di Rotondaro E.: assist di Fontaine e gran destro che prima colpisce il palo interno e poi termina in gol. Passano appena quattro minuti e l’Orsomarso segna ancora: sempre De Lia che con le due reti di oggi sale a ventotto reti; calcio d’angolo di Rotondaro E., stacca il capocannoniere del campionato e si va al riposo sul 4-0. Nella ripresa mister Nepita opera diversi cambi: dentro Posteraro, Russo, Bencardino, Forestieri e Farace Gabriele. Al 55′ Posteraro colpisce il palo ma Bencardino da solo sbaglia clamorosamente il gol del 5-0. Al 70′ Fontaine invece di passare in mezzo con Rotondaro A. solo, calcia in porta sfiorando di poco il gol. Dopo pochi minuti ecco il 5-0 di Rotondaro A. che su assist di Posteraro, a porta vuota non sbaglia. All’ 80′ 6-0 di Posteraro che scavalca il portiere con un bellissimo pallonetto. Infine c’è gioia anche per Farace Gabriele, che segna il suo terzo gol in campionato.
Il pubblico non aspetta altro che il fischio finale che arriva per esattezza alle 17.31 quando si scatena una grande gioia fra i tanti tifosi sugli spalti e fra i giocatori in campo. A fine match tutta la squadra si è recata al cimitero per dedicare una targa ad Alberto Farace, un grande portiere, scomparso sedici anni fa, un caro amico scomparso ma sempre vivo nei nostri cuori. Il prossimo impegno per l’Orsomarso sarà a S.Nicola Arcella in un match che sancirà il ritorno nella città in cui ha giocato per tanti anni, di Michele De Lia, come dicevamo prima, assoluto protagonista di questa indimenticabile stagione, che rimarrà nella storia di Orsomarso.

Orsomarso

LA SAMMARTINESE – TORRE ALTILIA 3-1 (gara promozione)
MARCATORI: 21′ Albanito (S) 38′ Gentile (S) 50′ Albanito (S) 55′ (A)
Lieto fine come tutti speravano, all’ultimo atto di un fantastico campionato arrivano 3 punti storici per La Sammartinese, che vince il campionato e festeggia. Davanti ad un centinaio di spettatori, il Torre Altilia non ha molto da chiedere a questa partita ma la concentrazione dei locali non delude. Apre le marcature G. Albanito al 21° in tap-in dopo una corta respinta del portiere avversario sulla solita pericolosa punizione di Covello. Al 38° Cimino taglia l’area e crossa dalla sinistra, traiettoria velenosa e Gentile corregge in rete sulla linea. In chiusura di tempo altro tiro cross di Ricioppo e palla che incoccia la traversa. Nella ripresa subito tris, ancora con Albanito lanciato da Covello batte facilmente il portiere altiliese (50°). Granata ormai rilassati e gli ospiti sfruttano l’occasione segnando il 3-1 al 55°. Poi succede poco, i minuti passano lenti fino al fischio finale che consegna questo giorno alla storia. Birra e spumante nello spogliatoio, poi sfilata e festa in serata a San Martino.

PRO MESORACA-OLIMPIA REAL SILANA 5-4 dcr (spareggio primo posto)
Emozionante spareggio ad Isola Capo Rizzuto tra Pro Mesoraca ed Olimpia Real Silana. Alla fine la spuntano i ragazzi di mister Lombardo dopo la lotteria dei calci di rigore. I tempi regolamentari erano terminati sul 2-2 coi mesorachesi in vantaggio nel primo tempo, poi raggiunti alla mezz’ora della ripresa. Nemmeno il tempo di annotare il pareggio che la Pro si riporta in vantaggio, ma nel finale l’Olimpia sigla il 2-2.
Nei supplementari vince la paura e quindi le due squadre vanno ai calci di rigore. La Pro Mesoraca sbaglia subito, ma poi è l’Olimpia a fallire due penalty. I rigori terminano dunque 5-4. Complimenti alla Pro Mesoraca che così al suo primo anno di vita centra la promozione e giocherà il prossimo campionato di Seconda categoria. Un grosso in bocca al lupo anche per la prossima stagione.

Pro Mesoraca

VILLA SAN GIUSEPPE-SANT’EUFEMIA 3-2 (gara promozione)
VILLA SAN GIUSEPPE: Ardore, Tramontana, D’Agostino (54′ F. Araniti), Germanò (61′ P. Araniti), Colonnetti, Idone (67′ Gattuso), Tavano, Pizzimenti (67′ Martino), Barreca (67′ Graniti), Gangemi, Pulitanò. A disp: Mordà, Nava. All. Solendo
SANT’EUFEMIA: Comi, Bonfiglio (46′ Zoccali), Fedele, Mileto (59′ D. Napoli), B. Oliverio, Coloprisco, P. Oliverio, Modafferi, F. Napoli, Morabito, De Ciccio (46′ Carbone). All. G. Napoli
ARBITRO: Pecora di Taurianova
MARCATORI: 20′ Pulitanò rig. (SG) 53′ Carbone (SE) 62′ P. Araniti (SG) 67′ Pulitanò (SG) 77′ F. Napoli (SE)

Festa Villa San Giuseppe

Vigor Acri – Villaggio Frassa 1-2 (finale play off)
Vigor Acri: Granozio, Gallo, Manfredi, Fusaro. Granozio II (72′ Cappuccio), Sena, Grano (68′ De Santis), De Marco (70′ Scavello), Belsito (56′ Gaccione), Sisca, De Marco II. All. Sena
Villaggio Frassa: Pellegrino, Cofone, Tocci, Martilotti, Fabbricatore, De Luca, Simone, Celico, Le Voci (68′ Lo Giudice), Servidio, Luzzi.
Marcatori: 23′ Servidio (VA), 27′ Celico (VF), 32′ Gallo (VA)
Arbitro: Tosto di Cosenza
Note: Espulso Fusaro al 77′ (VA)
La Vigor Acri vede svanire il sogno del tanto sperato salto in Seconda categoria. Dopo le brutte vicende con la giustizia sportiva, la Vigor era riuscita ad accedere ai playoff, giocandosi il tutto e per tutto contro il Villaggio Frassa. La squadra di casa impone un ritmo serrato già dai primi minuti di gioco, rendendosi per ben due volte pericolosa (10′, 13′) su calcio piazzato dai 15 metri. Al 23′ arriva la prima rete degli ospiti con una funambolica discesa in aria di Servidio, che dopo aver scavalcato la retroguardia acrese con un paio di sombreri, scarica un destro a cui l’estremo difensore acrese non riesce ad opporsi. E proprio il portiere Granozio che si rende protagonista in negativo della partita, quando al 28′ rimane completamente immobile su un calcio di punizione dai 25 metri che si va ad infilare inesorabilmente in rete sotto lo sguardo incredulo dei compagni di squadra e del numeroso pubblico accorso sugli spalti.
La Vigor Acri cerca di rimettersi in partita proponendosi più volte in fase offensiva, ma senza concretizzare. Al 32′ Sisca, che riesce a crossare in mezzo per l’arrivo di Gallo, che insacca con un preciso colpo di testa. Nella ripresa comincia il valzer delle sostituzioni. La squadra acrese cerca di riportare la situazione in parità, ma a nulla servono le incursioni in area di Grano prima, e del neo entrato Gaccione, che in un paio di occasione mette disordine nella difesa ospite. Il Villaggio Frassa riesce a coprire bene in difesa, con l’ottimo De Luca, ed è pronto a ripartire sfruttando la velocità di Servidio e Le Voci. La partita si fa disordinata e i nervi cominciano ad essere tesi, ed è proprio il nervosismo la causa dell’espulsione del numero 4 acrese, Fusaro al 77′ per doppia ammonizione. La Vigor crede nel pareggio, e sale portandosi in avanti con tutta la rosa al completo.
Ma dopo 5′ di recupero arriva il triplice fischio del signor Tosto di Cosenza.
Il Villaggio Frassa apre i cancelli della seconda categoria, mentre una buona ma sfortunata Vigor Acri deve rimandare i festeggiamenti a data ancora da destinarsi. Nonostante l’ottima prestazione del gruppo che l’ha resa protagonista assoluta nel girone di ritorno, e l’impegno profuso da una giovane società, per la maggior parte costituita da donne, la squadra acrese dovrà ancora attendere la sfida mancata con la sorella Olympic Acri, che è già passata di diritto alla serie successiva.

Villaggio Frassa

R.S. AGATA-FAGNANO 0-2 (finale andata)
FAGNANO: Caprino, Quintieri, Tripicchio, Madera F. (De Rose D.), Ardis, Cipolla, Mollo (Bellomusto), Aiello, Mondello, Palermo, Madera A., Giglio. All. Splendore
MARCATORI: 8′ F. Madera (F) 22′ Palermo (F)
FAGNANO-R.S. AGATA 1-0 (finale ritorno)
FAGNANO: Caprino (Portella), Quintieri, Tripicchio, Arena (Giglio), Madera F. (Bellomusto), Ardis, Cipolla, Mollo (Turco), Mondello (De Rose D.), Palermo, Madera A. All. Splendore
R.S. AGATA: Riente, Tolve S., Greco, Branda, Fasano, Cosentino, Bonfilio, Tolve E. (Scilingo), Sirimarco (Tolve M.), Nocito, Rumbolo. All. Vaccaro
MARCATORI: 55′ Mondello (F)

Fagnano

Nuova Biraticese-Real Piscopio 4-3 (finale play off andata)
Nuova Briaticese: Orfanò Antonio, Granato Andrea, De Luca Daniele, Santacroce Giammarco, Prostamo Nicola, De Luca Angelo, Sambiase Francesco, Lo Iacono Felice (st Accorinti Antonio), Arena Marco, Russo Michele, Prostamo Giuseppe (st Barillari Sergio). All. Borello Marco
Real Piscopio: Simonelli Francesco, Librandi Fabio, Bagalà Giovanni, Garoffolo Francesco, Lo Bianco Salvatore, Ciliberto Giuseppe, Rossi Silvio, Zuliani Antonio, Fiorillo Marco, Augurusa Alessandro (st Macrì Giovanni), Librandi Dario. All. Merco Giuseppe
Marcatori: 27’ Garoffolo (P), 55’ Lo Bianco (P), 65’ Barillari (B), 66’ Arena M. (B), 70’ Accorinti (B), 85’ Arena M. (B), 89’ Macrì (P)
Arbitro: David Fiorenza di Locri
Ammoniti: Simonelli, Lo Iacono, Zuliani, Librandi.
Al “San Nicola” di Briatico la Nuova Briaticese batte il Real Piscopio 4 a 3 nell’andata di finale play off di terza categoria. I padroni di casa sprecano molte azioni nel primo tempo, mentre i rosanero del Real Piscopio concretizzano di più, illudendo i propri supporter al seguito per gran parte del match. Ma non bastano il goal su punizione di Garoffalo nel primo tempo e quello di Lo Bianco in apertura di ripresa per superare i padroni di casa, che nel corso del secondo tempo, in soli venti minuti, prima accorciano con Barillari, poi pareggiano con Arena, infine si portano in vantaggio con Accorinti e mettono la partita al sicuro nuovamente con il bomber Arena, che come al solito si dimostra decisivo. In chiusura di match, però, gli uomini di mister Borello, regalano agli ospiti l’opportunità di mandare nuovamente in rete il Real Piscopio con Macrì, per il 4 a 3 finale. Con questa vittoria la Briaticese chiude la stagione uscendo imbattuta negli incontri casalinghi. La qualificazione alla seconda categoria è quindi tutta da giocare, perciò si prevede un incontro di ritorno emozionante.

Briaticese

SUPERCOPPA PROVINCIALE VIBO VALENTIA
La “Ssd Zungrese” ha vinto la XIV edizione della Supercoppa provinciale di lega, grazie ai tre punti conquistati con la vittoria per 4 a 1 sulla “As Allarese”, nel terzo ed ultimo incontro in programma, firmati da una splendida tripletta del numero 9 Crudo. Con due punti e mezzo si piazza al secondo posto l’“Asd Nuova Tropea”, che ha pareggiato i due incontri per 0 a 0, ed ha vinto ai rigori proprio con i padroni di casa per 5 a 3. Ultima con un punto e mezzo l’Allarese, che dopo il pareggio con i tropeani ha vinto ai calci piazzati lo scontro per 6 a 5.
Un clima di festa allo stadio comunale “Francesco Limardo” di Zungri ha animato una giornata all’insegna dello sport, nel quale, dopo un recente restyling, è stata collocata una lapide in memoria delle tre vecchie glorie cittadine del calcio Armando Cimadoro, Vincenzo Fiamingo e Raffaele Cichello. Il monumento è stato inaugurato per l’occasione alla presenza delle più alte cariche politiche locali e del presidente provinciale del Coni Rocco Cantafio, il presidente regionale della Lega Filippo Cosentino, presidente provinciale Angelo Ceravolo.

Incontri
Ore 16 – Tropea vs Allarese 0-0 (5-6 rig.)
Ore 17 – Zungrese vs Tropea 0-0 (3-5 rig.)
Ore 18 – Zungrese-Allarese 4-1

Classifica
Zungrese 3, Tropea 2,5, Allarese 1,5

Zungrese: Cimadoro Lazzaro, Trimboli Carmelo, Pugliese Gianluca, Raffa Pasquale, Raffa Gioacchino, Raffa Domenico, Pugliese Pasquale, Fiamingo Marco, Crudo Antonio, Rombolà Francesco, Fiamingo Vittorio, Gaudioso Francesco, Raffa Antonino, Limardo Ivan, Lisa Carmelo, Niglia Francesco, Cimadoro Domenico. Dir. Raffa Paolo
Allarese: Franzè Daniele, Costa Antonio, Randò Vincenzo, Betruci Bruno, Franzè Alberto, Demasi Ilario Rocco, Demasi Giovanni, Pacinella Luigi, Cirillo Francesco, Ienco Salvatore, Dimasi Domenico, Mamone Raffaele, Ienco Nazzareno, Demasi Giovanni, Demasi Gianluca. Dir. Tassone Romolo
Nuova Tropea: Mazzeo Roberto, Pedazzo Domenico, De Luca Davide, Euticchio Raffaele, La Torre Giuseppe, Mannacio Soderini Diego, Fodano Carmine, La Rosa Giuseppe, Gallisto Alessio, Vasinton Daniele, Marchese Domenico, Addolorato Gaetano, Tarantino Antonio, Nazionale Domenico, Scità Pasquale, Godano Morris. Dir. La Torre Gaetano.

Zungrese
Tropea
Allarese
Festa Capo Sud

SUPERCOPPA PROVINCIALE REGGIO CALABRIA
La Capo Sud, dopo il trionfo in campionato, si aggiudica anche la Supercoppa di categoria. Nel triangolare di Melito Porto Salvo la formazione ionica ha superato entrambi gli avversari, riuscendo nell’impresa di alzare un trofeo tanto ambito quanto prestigioso.
Le squadre contendenti hanno onorato la competizione provando, senza però riuscirci, a imporre il proprio gioco. Quando si sono trovate di fronte, Real Melicucco e Villa San Giuseppe hanno dato spettacolo.
È stato proprio questo il match che ha aperto la mattinata. Oltre ai gol si è visto tanto altro, con il Real apparso decisamente più ispirato e capace di pungere in zona offensiva a ripetizione.
L’esordio nel minitorneo della Capo Sud è avvenuto con i perdenti della prima sfida. Pangallo ha segnato la rete del successo. Nel secondo impegno contro il Real Melicucco gli ionici hanno centrato la seconda vittoria, grazie alle segnature di Nunnari e Calabrò. Al fischio di chiusura è iniziata la festa. Per la capo Sud è stata un’annata di straordinario spessore. Dopo qualche incertezza iniziale, la squadra ha acquisito piena consapevolezza dei propri mezzi, diventando protagonista assoluta della stagione.

Capo Sud: Romeo, Aziz, Stelitano, Pina, Romeo C., Iacopino, Pangallo, Nunnari, Calabrò, Romeo, Romeo G. Crucitti, Orlando, Manganaro, Pizzi, Labate, Stelitano, Infortuna. Allenatore: Lori
Real Melicucco: Valenzise, D’Agostino, Gallo, Fazzari, Bonfiglio, Franco, Cutrì, Galatà, Napoli, Fiumara, Ioppolo, Zito, D’Agostino, Costa, Coglia, Napoli, Cutrì, Scriva. Allenatore: Franco
Villa San Giuseppe: Dell’Acqua, Tramontana, Germano, Palmenta, Colonetti, Idone, Graniti, Pizzimenti, Pulitane, Tavano, Nava, Araniti, Barreca, Quattrone, Gattuso. All. Verbaro

Real Melicucco – Villa San Giuseppe 5-1
Marcatori: 6’ Gallo, 15 Napoli P., 19’ Tavano, 24’ Napoli P., 28’ Fiumara, 40’ D’Agostino F.
Capo Sud – Villa S. Giuseppe 1-0
Marcatori: 20’ Pangallo
Capo Sud – Real Melicucco 2-0
Marcatori: 10’ Nunnari rig., 39’ Calabrò
Arbitri: Amaretti, Gatto e Scalzo di Reggio Calabria

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Eccellenza, risultati e marcatori della 11° giornata

Si sono disputate le gare dell’undicesima giornata del massimo campionato regionale …