Home Calcio Morrone, Amendola non basta: lo Scalea strappa il pari

Morrone, Amendola non basta: lo Scalea strappa il pari

6 min. di lettura
0
0

Una partita che ai punti la Morrone avrebbe vinto senza appello. Invece dall’esordio stagionale in Eccellenza salta fuori un 1-1 che non rende merito ai padroni di casa e che premia invece lo Scalea di un super-Ramunno. Sul rettangolo verde si è apprezzata la verve dei granata, ricchi di idee e bravi nell’applicare alla letterq i dettami tattici del proprio allenatore. L’amarezza per non aver conquistato l’intera posta in palio dopo il 90’ ha lasciato spazio ai complimenti per Infusino. Soddisfatto il tecnico e, soprattutto, la dirigenza.

I NUOVI IN PANCHINA. Il neo allenatore della Morrone sceglie il 4-3-3 e lascia in panchina i nuovi arrivati. Stranges e Vitale entreranno soltanto nella ripresa e dimostreranno quanto di buono si dice sul loro conto. Dall’inizio giocano invece il baby Barbieri nel ruolo di terzino destro e il tridente composto da Nicoletti, Trombino e Azzinnaro. I tirrenici rispondono con un 4-2-3-1, con Gregorace che regala una batteria di trequartisti all’unica punta Angotti.
IMPRECISIONE. Trombino ha le prime due vere occasioni del match intorno al 25’. Prima su azione di contropiede conclude male un pallonetto, poi dilapida un’intuizione di Cardamone che lo aveva messo dinanzi al pipelet avversario. Proprio Cardamone, a seguire, fa la barba al palo su uno schema ben riuscito da calcio di punizione. Applausi, i granata divertono. Anche Azzinnaro, qualche istante prima del break, calcia debolmente dopo essersi fatto 40 metri palla al piede.
AMENDOLA-GOL E BLINDO RAMUNNO. Nella ripresa è un monologo Morrone. Cardamone e Trombino non trovano il pertugio giusto, allora Infusino getta nella mischia Amendola che si presenta con il gol del vantaggio. Una fitta rete di precisi passaggi rasoterra porta Azzinnaro ad accentrarsi e ad indovinare il corridoio giusto per il compagno che, entrato in area, non sbaglia. Lo Scalea è all’angolo, ma a tenerlo in vita è Ramunno. Il portiere dice di no a Stranges, Nicoletti e, davvero con un super intervento, ancora ad Amendola. La legge universale del calcio, però, non sbaglia mai e dall’altra parte basta un cross di Castellano deviato da Filippo nella propria porta per negare ad Infusino tre punti meritati.

Il tabellino:
MORRONE (4-3-3): Andreoli; Barbieri, De Luca, Filippo, D’Acri; Mazzei (24′ st Stranges), Cardamone, Iudicelli; Nicoletti (33′ st Vitale), Trombino (19′ st Amendola), Azzinnaro. A disp.: Prezioso, Pansera, Salerno, Mandolito, Miceli, Pascuzzo. All.: Infusino
SCALEA (4-2-3-1): Ramunno; Maceri, Chemi, Pizzoleo, Caruso; Castellano, Curcio; Fabbricatore (1’ st Richella); Masella (38′ st Benanti), Covelli (1’ st Ponte); Angotti. A disp.: Marchese, Lavecchia, Marcot, Marra, Elena. All.: Gregorace
ARBITRO: Fede di Rossano
MARCATORI: 26′ st Amendola (M), 40′ st Filippo (M, aut.)
NOTE: Partita disputata a porte chiuse. Ammoniti: Mazzei (M), Maceri (S), Pizzoleo (S), Masella (S), Vitale (M). Angoli: 4-2 per la Morrone. Recupero: 1’ pt – 4 st.

Uff. stampa
ACD Morrone

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Coppa Italia Femminile: blitz del Borgo Grecanico, reti inviolate tra Promosport e Cosenza

Ha preso il via la Coppa Italia femminile con le gare della prima giornata del primo turno…