Home Calcio Precisazione della Real Pizzo: “Risposta dovuta a chi parla di provocazione”

Precisazione della Real Pizzo: “Risposta dovuta a chi parla di provocazione”

5 min. di lettura
0
0

Non riteniamo di dover commentare e giudicare i fatti di domenica a Rosarno da un punto di vista “disciplinare” vista la presenza in campo di un ottimo arbitro e di un commissario di campo, oltre che di immagini video relative agli eventi. Una risposta però è dovuta a chi inopportunamente parla di “provocazione”. Se con questo termine si intende il tenere botta ai contrasti durissimi, se si intende il non retrocedere di un passo davanti all’atteggiamento duro e spesso pericolosamente oltre le righe di più di un calciatore del Rosarno, allora siamo e saremo sempre dei grandi “provocatori”.
Sappiamo che il calcio non è sport per chi ama raccogliere margherite, lo abbiamo visto e anche giocato, qualcuno di noi, ma di sicuro non è caccia all’uomo. Parlarne non fa bene a nessuno, non è bello e ci fa fare passi indietro lungo il cammino della civiltà.
Viene da chiedersi in che misura e dove sbaglino le società di calcio allevando e formando i giovani atleti. Continueremo a pensare che lo sport ed il calcio in particolare debbano essere palestre di vita, strumenti di comunicazione se non un vero e proprio linguaggio che avvicini ragazzi di ogni angolo del mondo. La Real Pizzo ha posto come punto centrale della sua gestione l’inserimento, anche lavorativo di ragazzi italiani e non, con l’obiettivo di abbattere il più possibile barriere di razza, cultura e religione. Vediamo il calcio come un nuovo esperanto, immediato e comprensibile a tutti, anche se parlato “con i piedi”.
Non riusciamo a comprendere certi atteggiamenti e quindi a spiegarli a chi si è affidato a noi e ci accompagna in questo percorso. Siamo ancora sgomenti e senza parole noi che eravamo in tribuna, i tifosi di Pizzo e di Rosarno, i tifosi veri, non chi ha scavalcato la recinzione. Non cerchiamo e non vogliamo trarre vantaggi dalle disgrazie altrui, perché di ciò si tratta. Chiediamo solo di poter continuare a giocare in modo sereno e secondo le regole e relegare certe brutture a palcoscenici che non ci appartengono, per convinzione, cultura e scelte di vita.

Uff. stampa

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe anche interessare

TDR2023 C11, ufficializzato il calendario della fase a gironi

Il CR Piemonte VDA ha ufficializzato il programma gare della 59^ edizione del Torneo delle…