Home Calcio a 5 B: Ancora un botta e risposta tra Catanzaro e Futura, perdono Mirto e Lamezia Soccer

B: Ancora un botta e risposta tra Catanzaro e Futura, perdono Mirto e Lamezia Soccer

13 min. di lettura
0
0

Giocate le gare della diciottesima giornata nel campionato nazionale di serie B. Casali del Manco che osserva il turno di riposo previsto nel gruppo H.

Serie B gir. G
DIAZ BISCEGLIE-MIRTO C5 1-0
Marcatori: pt 19’17” Rafael (B)
Matura un’altra sconfitta fuori dalle mura amiche. Oggi, sul campo del Diaz Bisceglie, i ragazzi hanno fatto una partita gagliarda combattendo fino all’ultimo secondo di gara. Padroni di casa che recriminano per diversi legni colpiti soprattutto nella prima frazione di gioco, ma Mirto che reagisce con una serie di buone occasioni nel secondo tempo e con un paio di pali che negano il gol. A decidere la gara un gol arrivato a 40 secondi dalla fine del primo tempo. Risultato che ci va un po’ stretto, ma la voglia, la condizione e l’agonismo visti oggi, conditi da diverse assenze importanti, ci fanno ben sperare nel futuro. (A.S. Mirto)

Serie B gir. H
ISPICA-POLISPORTIVA FUTURA 1-7
Marcatori: 5 Everton, 2 Cividini (F)

Selfie vittoria Futura

Vittoria che non lascia dubbi se ancora ce ne fossero sulla forza della Futura. Vittoria di un gruppo guidato magistralmente da mister Fiorenza.
Vittoria con 5 gol di un immenso Everton che proprio nella gara di andata aveva subito un trauma cranico, che aveva causato la sospensione della partita per piu di un ora ed il ricovero del ragazzo. Vittoria con Giardiniere e Laganà protagonisti, sugli scudi con una prestazione perfetta. Partita che inizia male per la Futura, che dopo 3 minuti subisce un gol. La squadra però è concentrata e non si fa intimorire dallo svantaggio. Ci pensa Everton con tre gol in 4 minuti a ribaltarla mandando i suoi negli spogliatoi sul punteggio di 3 a 1. Ripresa che inizia con i locali che cercano in tutti i modi di accorciare le distanze, ma la difesa gialloblu è impenetrabile. Benissimo i 4 di movimemto guidati da un grande Tornatore. Dopo 10 minuti del secondo tempo, su calcio d’angolo, è Cividini che con un bolide mette alle spalle del portiere di casa. Futura sul 4 a 1 a sette minuti dalla fine. A questo punto i locali provano la carta del portiere di movimento. Cividini e due volte Everton chiudono la partita tra il tripudio della panchina e dei dirigenti in tribuna. Buono l’arbitraggio di una partita comunque difficile. (A.S. Futura)

CATANZARO FUTSAL-LAMEZIA SOCCER 4-1
Marcatori: pt 01’59” Ecelestini (CZ) 05’38” Monterosso (CZ) 19’46” Calabrese (CZ) st 03’22” Iozzino (CZ) 09’20” Pereira (L)
CATANZARO: Rotella, Calabrese, Iozzino, Monterosso, Spagnolo, Capicotto, Ecelestini, Patamia, Borelli, Amendola, Ciccarello. Allenatore: Mardente
LAMEZIA: Sperlì, Deodato, Caffarelli, Morelli, Scervino, Gatto, Mastellone, Mantuano, Giampà, Pereira, D’Agostino. Allenatore: Carrozza
ARBITRI: Raffaele Buonocore di Castellammare di Stabia e Daniele Romano di Salerno. Cronometrista: Gregorio Mercurio di Catanzaro

Catanzaro-Lamezia

Nel derby contro l’Ecosistem Lamezia arriva un’altra importantissima vittoria per i giallorossi che restano solitari in testa alla classifica. Nonostante le problematiche legate all’indisponibilità del Palagallo e la conseguente “trasferta” a Cosenza, i nostri ragazzi hanno disputato un grandissimo incontro indirizzando già dal primo tempo l’andamento positivo dell’incontro con un 3-0 siglato da Ecelestini, Monterosso e capitan Calabrese, oggi al rientro insieme al nostro bomber Spagnolo. Nella seconda frazione la compagine lametina si schiera dal primo minuto con il portiere di movimento, ma è Iozzino, dopo cinque minuti, con un precisissimo pallonetto dalla propria area, a siglare la rete del 4-0, mentre il gol di Pereira, a dieci minuti dal termine, non basta agli ospiti per ritornare in partita trovando di fronte a se uno schieramento difensivo praticamente perfetto guidato da un impeccabile Rotella. (A.S. CZ futsal)

Rete Pereira

Nulla da fare per l’Ecosistem Lameziasoccer davanti alla capolista Catanzaro. La formazione lametina ha cercato in tutti i modi di mettere in difficoltà i giallorossi ma ha commesso troppi errori in uscita o in chiusura mettendo su un piatto d’argento le realizzazioni avversarie. Contro una squadra forte e compatta come quella di Mardente non si può commettere il minimo errore e gli orange hanno pagato dazio fin dalle prime battute. C’è, comunque, da dire subito che i migliori in campo sono stati Sperlì da una parte e Rotella dall’altra. I due estremi difensori hanno tenuto basso il livello delle realizzazioni grazie ad interventi sopra la media per il rammarico degli attaccanti, spesso già conviti di aver messo dentro il pallone. Onore ai vincitori che hanno mostrato di valere con merito la prima posizione. La gara si è giocata sul neutro del Palaferraro di Cosenza, per indisponibilità del Palacorvo, e l’accoglienza della società del Cosenza, che gestisce l’impianto, per le due squadre è stata sopra le righe per i buoni rapporti esistenti tra le squadre. Mardente si schiera con Rotella in porta, Iozzino, Ecelestini, Monterossso e Spagnolo di movimento. Dall’altra parte Carrozza opta per Mantuano, Morelli, Scervino e Pereira di movimento con Sperlì tra i pali. Catanzaro subito in pressing ed Ecosistem che sbaglia in uscita e dopo due minuti Ecelestini porta in vantaggio i giallorossi dopo una corta respinta di Sperlì su Spagnolo. La squadra di Merdente insiste e trova il raddoppio con l’ex Monterosso, anche qui un errore in chiusura degli orange ed Everest da scalare per i lametini. Da questo momento inizia lo show dei due portieri che si oppongono alle conclusioni degli attaccanti. Il compito diventa ancora più arduo nel finale del primo tempo. Morelli commette un fallo da dietro su Spagnolo a 01’41” dal termine e scatta il rosso. Con l’uomo in meno l’Ecosistem deve raddoppiare gli sforzi ma, a 14” dal temine un tiro di Calabrese, deviato da Mantuano, mette fuori causa Sperlì e la capolista va al riposo col triplo vantaggio. Nella ripresa a Carrozza non rimane che partire subito con il quinto di movimento. Il Catanzaro si chiude bene, e quando non lo fa ci pensa Rotella. Il quarto gol arriva su un’indecisione nel cambio tra Montesanti e Sperlì, mentre il Catanzaro batte un fallo laterale, con Iozzino che dalla lunga distanza riesce ad infilare la porta. A metà del tempo l’Ecosistem accorcia le distanze con una bella azione partita da Deodato sulla fascia destra, scambio con Caffarelli e palla di ritorno messa dal fondo sul secondo palo dove è gioco facile per Pereira spingere in rete. Vani i tentativi nell’ultima parte di gara di accorciare le distanze. (A.S. Lamezia)

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Molluso torna sulla brusca interruzione del rapporto con il FP5: “Ho sbagliato e lo so, ma…”

Ho sbagliato, lo so. Ho sbagliato nei confronti di chi mi rispetta e nei confronti dei mie…