Home Calcio a 5 Coppa Italia di C, sconfitta per l’Eagles Catanzaro

Coppa Italia di C, sconfitta per l’Eagles Catanzaro

8 min. di lettura
0
0

Si completa il primo turno di Coppa Italia , fase nazionale, di serie C di calcio a 5 femminile con l’exploit esterno del Manfredonia 2000 in “casa” dell’Eagles CZ. Le virgolette sono d’obbligo perchè la partita si è disputata sul neutro di Vibo Valentia vista l’indisponibilità del PalaGallo di Catanzaro. Le pugliesi, a questo punto, hanno un piede e mezzo alle Final Eight. Ricordiamo che la vincente di questo raggruppamento affronterà, a Bari, la vincente tra Futsal Nuceria (Campania) e Medio Basento (Basilicata).

Partita molto corretta, con le due formazioni che si sono affrontate a viso aperto e senza risparmiarsi. Atleticamente troppo forti le pugliesi per le giallorosse che sono andate subito in affanno e dopo 3 minuti hanno subito la prima rete dell’incontro firmata D’Alessandro. Il raddoppio arriva al 12′ con Morrone che sfrutta un errore in disimpegno giallorosso e trafigge il portiere Gualtieri. Il Manfredonia potrebbe triplicare ma due legni dicono di no ancora a D’Alessandro. Esce fuori l’Eagles che ha sui piedi di Mallamace e Puleo l’occasione per riaprire l’incontro ma le due giocatrici sono imprecise sottoporta. Subito dopo un’autorete di Mauro chiude virtualmente l’incontro. Nella ripresa il Manfredonia amministra la gara e l’Eagles prova in tutti i modi di riaprirla. Per due volte Procopio ha sui piedi la palla giusta ma la prima volta la sua punizione esce fuori di un soffio e la seconda volta è il palo a negarle la gioia della rete. Al 16′ sugli sviluppi di un calcio di punizione arriva la quarta rete ospite con Ciociola che regala al Manfredonia il quasi passaggio del turno.

Abbiamo avuto un black-out iniziale dove abbiamo preso due reti evitabili per via di due errori nostri in disimpegno – esordisce mister Caraccioloed il Manfredonia ne ha subito approfittato. In una gara del genere non puoi permetterti cali di concentrazione, ma mi rendo conto che molte ragazze non sono abituate a giocare partite così importanti e la tensione gioca brutti scherzi. Dopo il palo della D’Alessandro ci siamo un pò svegliate ed abbiamo iniziato a pressare a tutto campo creando anche dei pericoli. Gli episodi non ci danno un mano, Puleo da due passi poteva accorciare le distanze ed invece nell’azione successiva abbiamo subito la terza rete su autogol. Nella ripresa è andata ancora meglio ma il Manfredonia ha ampiamente meritato la vittoria, sono un’ottima squadra con delle buone individualità, e atleticamente sono di un altro livello. Hanno iniziato la preparazione ad Agosto e giocano due volte a settimana visto il numero di squadre del loro campionato. Noi a fine gennaio ancora non sapevamo quando iniziava il nostro di campionato e questo fa capire la differenza sostanziale tra il movimento femminile pugliese e quello calabrese. Da considerare anche i problemi creati dall’Amministrazione Abramo per la chiusura del PalaGallo che non ci hanno aiutato a preparare al meglio la gara, avendo fatto tre allenamenti in quasi tre settimane. Al ritorno sarà durissima, ma come sempre onoreremo al massimo l’impegno, vista anche l’ottima caratura tecnica e atletica degli avversari. Sono gare che per le ragazze dell’Eagles servono come esperienza per crescere“.

COPPA ITALIA DI SERIE C – FASE NAZIONALE – RAGGRUPPAMENTO G)
EAGLES CATANZARO-MANFREDONIA 0-4  (pt 0-3)
EAGLES CATANZARO: Anania, Moniaci, Puleo, Caiazza, Procopio, Riccelli, Bianco, Viola, Mauro, Talarico, Mallamace, Gualtieri. All. Caracciolo
MANFREDONIA: Placentino, Ciociola, Maccione, A. Palumbo, Aquilante, Bosco, Longo, E. Palumbo, Tizzani, Nardella, D’Alessandro, Morrone. All. Portovenero
ARBITRI: Pietro Vallone (Crotone) e Fabio Cozza (Cosenza)
RETI: 3’ p.t. D’Alessandro (M), 12’ Morrone (M), 28′ aut. Mauro (M), nel st 16’ Ciociola (M)

Carica altri articoli
Load More By Domenico Caracciolo
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Beach Soccer, Coppa Italia: Catania campione per la terza volta di fila

È stata una cavalcata faticosa ed entusiasmante, quella che ha condotto alla finalissima d…