Home Calcio Da Sant’Onofrio si chiede rispetto: “Inammissibile l’atteggiamento dell’arbitro”

Da Sant’Onofrio si chiede rispetto: “Inammissibile l’atteggiamento dell’arbitro”

8 min. di lettura
0
0

Il Presidente della ASD Sant’Onofrio, dopo la gara di seconda categoria del 14 novembre, con una telefonata cordiale, al Presidente dell’Associazione Arbitri di Vibo, Nazzareno Manco, anticipa i motivi che avrebbero portato alla formale protesta nei confronti di un giovane arbitro e che oggi rendiamo pubblica. Il fine è esclusivamente quello di evitare che certe spiacevoli situazioni si possano ripetere, a totale sostegno e a tutela del nostro impegno e dell’impegno di ogni altra Società sportiva dilettantistica, che abbraccia numerose Società affiliate alla FIGC e numerosi tecnici e dirigenti sportivi. Tali tecnici e dirigenti che con laboriosa volontà, responsabilità e serietà lavorano costantemente per puro volontariato al miglioramento dei giovani e alla buona diffusione delle pratiche sportive.

La profonda stima e l’alta considerazione verso i valori propugnati dallo sport, oltre che verso la figura arbitrale e l’Associazione Italiana Arbitri, ci ha indotti ad esprimere delle considerazioni, pur se di natura negativa.
Va premesso che la nostra Associazione (al pari delle altre) lavora con passione e si spende sia per il bene dei ragazzi che per l’intera comunità, tanto da risultare già affiliata, in pochi anni, a ben due Federazioni nazionali ed è attiva nei campionati FIGC-LND, dai bambini dell’attività di base, ai giovani atleti, fino ai calciatori della juniores e della prima squadra. Utilizzando esclusivamente il know-how societario, abbiamo presentato numerosi progetti sia alle istituzioni sportive regionali e nazionali che alla Società Sport e Salute e al Dipartimento dello sport, ottenendo ottimi risultati e i giusti riconoscimenti con importanti progetti, che ci vedono coinvolti sia con importanti Istituzioni che come capofila di accordi di partenariato, che daranno un impatto positivo nell’intero territorio provinciale.
L’ASD Sant’Onofrio è stata da sempre a difesa della categoria arbitrale ed in ogni occasione ha cercato il modo di tutelare i giovani arbitri, che svolgono un ruolo fondamentale sia in campo che fuori, e da domani continuerà a tutelare gli arbitri e la loro Associazione. Comprendiamo, poi, la difficoltà di arbitrare e comprendiamo anche la difficoltà di reperire giovani che abbiano il desiderio di impegnare il loro tempo nelle attività calcistiche. Ciò, però, non è sufficiente a giustificare quanto si è concretizzato durante la gara di domenica 14/11/2021, tra la Fulgor Zungri e la Sant’Onofrio Calcio, valevole per il Campionato di Seconda Categoria – Girone D – Delegazione provinciale di Vibo Valentia.
Sin dai primi minuti, il direttore di gara designato, ha dimostrato un atteggiamento sprezzante e presuntuoso nei nostri confronti, sostanzialmente senza alcun motivo. È stato, il suo, un comportamento insolitamente irrispettoso nei confronti di due categorie sportive importanti al pari del direttore di gara, quali il Presidente della Sant’Onofrio e il suo Mister. Un comportamento inaccettabile, che lascia amarezza per chi è avvezzo alle pratiche sportive. A seguito di una direzione di gara a dir poco insufficiente, il giovane arbitro ha assunto, a volte inspiegabilmente, decisioni che sono andate al di là del verosimile, creando addirittura imbarazzo in tutti i calciatori presenti sul terreno di gioco, anche in quelli della squadra avversaria.
Nell’intervallo tra i due tempi – a seguito di una semplice richiesta di confronto – il Presidente Ciancio ed il Mister Ruccella sono stati zittiti dal giovane arbitro, con atteggiamento a dir poco spocchioso e presuntuoso e con un fare di irragionevole superiorità, fino al pronunciamento di frasi ritenute perlomeno fuori luogo. Comprendiamo che l’errore fa parte del gioco, ma riteniamo spropositato ricevere trattamenti non consoni e poco adeguati alla circostanza, sfociati in offensive nei nostri confronti, esternati da un giovane arbitro, che avrebbe potuto ed avrebbe dovuto dimostrare un atteggiamento più pacato e cordiale, più “intelligente” e tollerante e non un atteggiamento offensivo, quasi denigratorio, che ha riservato esclusivamente e senza motivo alcuno verso la nostra compagine sportiva.

Uff. stampa

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Il Ciampino Aniene materializza il sesto ko del Futsal Polistena

La decima giornata della Serie A registra la sconfitta casalinga del Futsal Polistena al c…