Home Calcio a 5 Serie C1: risultati, marcatori e commenti della 6° giornata

Serie C1: risultati, marcatori e commenti della 6° giornata

16 min. di lettura
0
0

Si è disputata la sesta giornata del massimo campionato regionale di serie C1. Di seguito risultati, marcatori e commenti di tutti gli incontri.

CATAFORIO-REAL ARANGEA 6-1
CATAFORIO: Calabrese, Imbalzano, Cilione, Adornato, Labate, Giriolo, Martino, Torino, Casile, De Salvo, Scopelliti, Barbaro. All. Quattrone
REAL ARANGEA: Castello, Nelo, Tarsilia, Basile, Fossari, Minniti, Barreca, Malara, Calafiore, Cantarella, Longo, Laganà, Messineo. All. Carella
ARBITRI: Tino di Vibo Valentia e Mercurio di Catanzaro
MARCATORI: pt 1’ Giriolo (C), 15’ Cilione (C), 18’ Martino (C), 20’ e 27’ Labate (C), 30’ Barbaro (C), st 3’ Minniti (RA)
NOTE: ammoniti Basile, Fossari, Minniti, Malara, Labate, Giriolo
Terza vittoria di fila del Cataforio (quarta considerando anche la Coppa Italia, ndr) che supera grazie ad un gran primo tempo il Real Arangea, nel derbyissimo andato in scena quest’oggi al PalaBotteghelle. Prima frazione praticamente perfetta da parte dei bianconeri, che brillano sia con gli under (tutti in campo) sia con gli over, e bianconeri che da stasera si portano al terzo posto in classifica insieme a Soverato e Farmacia Arturi. Unica nota stonata di un pomeriggio di festa, l’infortunio subito da Martino.
PRIMO TEMPO – Giriolo ci impiega ventidue secondi a ribadire in gol il tiro di Adornato respinto da Castello. Ancora Giriolo pericoloso, stavolta si salva il portiere ospite, bravo e attento Calabrese su Cantarella dall’altra parte. Cataforio in pieno controllo del match ed al 15’ con un’azione di contropiede, arriva il raddoppio fortemente voluto con Cilione che insacca a porta vuota l’assist di Casile (dopo il bel triangolo con Giriolo). Da qui il Cataforio mette il turno, Martino perfettamente pescato sul secondo palo da un assist magistrale di Torino, mette dentro il 3-0 al 18’. Trascorrono due minuti e Labate capitalizza l’errore in disimpegno della difesa ospite per il poker. Il Real Arangea prova la reazione, pallonetto sul fondo di Fossari, mentre Adornato calcia e trova la deviazione sfortunata di Labate che manda il pallone fuori. Al contrario, al 27’, Labate raggiunge la doppietta personale, correggendo in rete la rimessa laterale battuta forte da capitan Cilione che indossa i panni dell’assist-man. Ospiti che cercando riaprire la gara, colpo di tacco di Cantarella per Barreca che non inquadra lo specchio di pochissimo, mentre Calabrese vola sul tiro dello stesso Cantarella (ex dell’incontro) ed alza sopra la traversa. Nel finale c’è ancora tempo per un altro gol, con Barbaro che castiga l’uscita dai pali di Castello.
SECONDO TEMPO – Forte del vantaggio acquisito il Cataforio sembra essere un po’ più rilassato nel secondo tempo, lasciando l’iniziativa agli avversari, anche in vista dell’impegno di Coppa Italia di mercoledì. Le prime occasioni sono però di marca locale, con Martino e De Salvo che vanno vicinissimi al “settebello”. Al 3’ poi Minniti in contropiede accorcia le distanze per quello che, a conti fatti, risulterà essere il gol della bandiera, visto che non basterà neppure il bonus fallo dei bianconeri per riaprire una gara già chiusa dopo la prima mezz’ora di gioco. A risultato acquisito vanno segnalate le grandi parate di Imbalzano (che ha sostituito nella ripresa Calabrese) il quale ha tirato giù la saracinesca sul doppio tentativo da due passi di Nelo. Bravissimo anche Castello su De Salvo. (Cataforio)
Non commenteremo oggi una partita che ha avuto poco da dire, una squadra superiore, più forte, e un’altra più debole in tutte le sue componenti. Basterebbe questo, ma non è lo stile del Real Arangea e riteniamo sia giusto fare delle riflessioni e le condividiamo con chi ci segue.
Una delle metafore più forti e caratteristica veicolata dallo sport è quella di Davide contro Golia, ma poche volte ci si è fermato a capire il perché, perché il piccolo sconfigge il potente, perché il debole riesce ad abbatte il grande, nel caso di Davide fu la fede a dargliene la forza, la stessa fede che lo convinse che quell’impresa era possibile. E quante imprese sportive nella storia hanno rispettato questo schema, esaltandoci e commuovendoci, e dietro quelle imprese c’era sempre un perché determinante, il cuore, la convinzione, il coraggio, spesso anche la temerarietà o la follia, ma serve una ragione, uno stimolo, per compiere le imprese. Succede anche che dopo grandi prove di coraggio si è comunque sconfitti ed è allora che quel coraggio diventa l’unica ricompensa per sopportare la sconfitta.
Lo sport è un grande specchio che veicola spesso metafore vere, reali, di vita, e nella vita è praticamente impossibile non commettere errori, così come non è possibile dover affrontare un insuccesso o una vera e propria sconfitta, a meno che non si eviti di fare qualsiasi cosa e, conseguentemente, di vivere. Il Real Arangea vuole vivere e vuole farlo dando il meglio di se e mai il peggio, vuole preservare la dignità della sua natura e dei suoi progetti e vuole farlo assieme a chi ci crede, vuole “vivere” assieme a loro. Saper cadere e rialzarsi dopo una sconfitta è fondamentale per raggiungere i nostri obiettivi, senza abbatterci davanti alle difficoltà, ma anche per questo ci vuole coraggio, cuore ed una grandissima dose di umiltà. (Real Arangea)

CITTA’ DI FIORE-FUTSAL KROTON 0-2
Marcatori: Basile (K) Zanda (K)

FANTASTIC FIVE SIDERNO-DOMENICO SPORT 5-3
Marcatori: 4 Avarello, Cremona (FFS) R. Chiappetta Ceraldi, F. Chianello (DS)

Esame superato con ottimi voti. La FANTASTIC FIVE supera tra le proprie mura i forti avversari del DOMENICO SPORT-FARMACIA ARTURI.
Gli ospiti partono aggressivi. Pressano alto e appena possibile provano la conclusione verso la porta. Al 3’ minuto CHIAPPETTA Raffaele colpisce il palo alla destra di TERRANOVA. Al 5’ però, CAMPISI ruba palla, BENAVOLI serve AVARELLO, che salta proprio CHIAPPETTA e con un preciso diagonale infila la porta difesa da MOLINARO. Questa sarà la storia della partita: i cosentini per tutti i 60 minuti proveranno a scardinare l’eccellente difesa rosa/nero (con un superlativo TERRANOVA tra i pali) ed i padroni di casa che ad ogni uscita sembrano in grado di far male. Al 9’ è CREMONA ad approfittare di un errato controllo difensivo e a non dare scampo al portiere avversario. Solo al 26’ il numero 21 paolano, CHIAPPETTA Raffaele, riesce ad accorciare le distanze ma al 27’ ed al 29’ sempre AVARELLO si fa trovare puntuale all’appuntamento con il gol, prima appoggiando di piatto in rete ottimamente servito da CAMPISI e poi con un tiro secco, su respinta della difesa, che coglie di sorpresa MOLINARO. Primo tempo che si chiude sul 4 a 1 per i padroni di casa.
La ripresa vede le squadre attente a non concedere troppo. Al 18’ gli ospiti accorciano portandosi sul 4 a 2 con CERALDI e addirittura al 30’, avendo deciso di giocarsi la carta del portiere di movimento, si fanno sotto con la rete di CHIANELLO. Lo spettro della beffa, già materializzatosi nella partita casalinga con la MAESTRELLI, aleggia sui ragazzi della FANTASTIC. Ma questa volta la gara ha un finale diverso: al 31’ proprio CHIANELLO, nelle vesti di portiere di movimento, sbaglia un facile passaggio, palla sui piedi di AVARELLO che dalla propria area di rigore con un preciso rasoterra centra la sguarnita porta avversaria. 5 a 3 il risultato finale. Tre punti contro un’ottima squadra che consentono alla FANTASTIC di restare in scia al POLISTENA C5.

GALLINESE-BLINGINK SOVERATO 0-3
Marcatori: Lo Riggio (S) Lo Riggio (S) Pastori (S)

Il mitico allenatore di football americano Vince Lombardi diceva che vincere conta , ma che conta ancor di più provare a vincere. Per chi vuole capire, la causa dell’ennesima sconfitta dell’ASD GALLINESE è racchiusa nella frase di questo mito assoluto. Il Blingink Soverato dal canto suo provando “semplicemente” a vincere, ha saputo tener testa per un tempo ai nostri ragazzi prima di colpire ed affondare nella ripresa.
L’incapacità di reagire dalla panchina e dal campo, ed i molti (troppi) errori hanno fatto il resto. Lo 0-3 è perciò meritato, senza alcuna attenuante, almeno per chi non abbia il cromosoma del perdente che cerca scuse. Ai ragazzi di Soverato, allo staff tecnico ed a tutta la società vanno, perciò, i nostri sinceri complimenti per la vittoria ottenuta. Uniche note liete della giornata, come sempre la prova dei giovani e, soprattutto, il ritorno in campo di Saverio Cutrupi, una bandiera della Gallinese.

POLISTENA C5-MAESTRELLI 6-2
Marcatori: 3 Politanò, Sorace, Napoli, Borgese (P) Orsolini, Lorenti (M)

REGGIO SC-SENSATION C5 1-2
Marcatori: Cannizzaro (R) Simari (S) Longo (S)

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Coppa Italia Femminile: blitz del Borgo Grecanico, reti inviolate tra Promosport e Cosenza

Ha preso il via la Coppa Italia femminile con le gare della prima giornata del primo turno…