Home Calcio a 5 Crisi nera delle calabresi nel futsal nazionale, annata fallimentare?

Crisi nera delle calabresi nel futsal nazionale, annata fallimentare?

6 min. di lettura
0
0

La verità a volte fa male, ma nasconderla non porterebbe certamente benefici all’intero movimento. Proprio per questo motivo, non possiamo che mettere in evidenza la crisi delle compagini calabresi nei campionati nazionali di futsal. Arrivati a questi livelli non si gioca più per divertirsi, ma si compete per vincere e nessuna delle nostre rappresentanti è in corsa per farlo, anzi. Nessuna è riuscita a qualificarsi per le finals di Coppa Italia di serie A, A2, B, Under 19 e femminile, crediamo che onestamente sia un fallimento. Se a tutto ciò aggiungiamo che una squadra calabrese non ha mai vinto la Coppa Italia di categoria, ad eccezione dell’Odissea 2000 in serie B nel 2016 (in foto copertina), il dado è tratto. Inoltre, soltanto un’altra compagine, la Licogest Vibo nel 2006, aveva raggiunto la finale, sempre in serie B, perdendo malamente per mano della Reggiana (6-0 il risultato).
Ci sembra doveroso riportare alla memoria di tutti questi dati, anche perchè in questi giorni stanno andando in onda su FutsalTV, ed addirittura su Sky Sport, le finals di Coppa di tutte le categorie e fa decisamente male non vedere alcuna società calabrese prendervi parte. Domenica scorsa, poi, una spettacolare finale di Coppa Italia di serie A tra Pesaro ed Olimpus Roma, due squadre che hanno eliminato le nostre rappresentanti nei quarti di finale di A2 del 2013 (Fabrizio Corigliano) e 2014 (Atl. Belvedere), la prima, e semifinale lo scorso anno (Futsal Polistena), la seconda. Sembrano decisamente lontanti quei tempi, anche perché la maggior parte delle nostre massime rappresentanti nel futsal nazionale, che hanno onorato la Calabria in giro per la penisola, non esistono più e sono soltano un bel ricordo da custodire nella memoria di tifosi e sportivi, vedi appunto Reggio C5, Fabrizio Corigliano, Odissea 2000 Rossano, Atletico Belvedere poi Cosenza, Catanzaro C5, Pro Reggina nel femminile, giusto per citare gli esempi più lampanti.
Non sta a noi dire quali siano le cause o mettere sul piatto soluzioni, quelle spettano a chi di competenza ed ognuno trarrà le proprie conclusioni, ma certamente un’analisi più approfondita del momento e della progettazione in generale, quella andrebbe fatta per ognuna delle partecipanti, a noi soltanto il compito di portare a conoscenza degli appassionati il momento nero che le calabresi del futsal nazionale stanno vivendo. Infine, aspetto da non sottovalutare per chi come noi svolge questo mestiere, comunicazione totalmente assente, se si eccettua qualche caso sporadico. Crediamo sia francamente inconcepibile partecipare a campionati nazionali e non avere un ufficio stampa o comunque qualcuno preposto ad avere rapporti con la stampa. Non ce ne voglia nessuno, ma questi sono dati da retrocessione diretta e per fortuna delle società non fanno parte dell’aspetto puramente tecnico e tattico del gioco del calcio a 5. Cogliamo l’occasione per porgere l’in bocca al lupo a tutte le società del futsal nazionale per un finale di stagione che permetta di centrare gli obiettivi prefissati, ricordando che noi siamo stati, siamo e saremo sempre a disposizione, e saremo anche i primi tifosi di tutte le squadre calabresi.

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Alla Morrone il titolo di Campione Regionale Under 19

La Morrone conquista il titolo di Campione Regionale Under 19 battendo nell’atto fin…