Home Calcio a 5 A2: Cosenza continua la corsa, FP5 rallentato in casa, ko il Bovalino

A2: Cosenza continua la corsa, FP5 rallentato in casa, ko il Bovalino

11 min. di lettura
0
0

Si sono giocate le gare valevoli per il recupero della sesta giornata del campionato nazionale di serie A2.

FUTSAL POLISTENA-BERNALDA 1-1
MARCATORI: pt 4’20 Dentini (P) st 14’56” Schacker (B)
Da molti anni pratichiamo questa disciplina, impiegando tempo, denaro e sacrifici per portare avanti un progetto che oggettivamente ci vede protagonisti in tutte le stagioni.
Cerchiamo sempre, secondo i nostri canoni e nel massimo rispetto di chi incontriamo settimana per settimana, di curare dettagliatamente ogni particolare, premurandoci di ospitare nella nostra casa, al migliore dei modi tutti, arbitri e nostri avversari.
I toni aspri, la frase di troppo, la provocazione sono il contrario di quello che noi intendiamo per sport!
Oggi però dobbiamo stendere un velo, al limite del pietoso, su come alcune circostanze vengono raccontate, travisate o addirittura a tratti distorte.
Il resoconto letto stamane o meglio il riassunto della partita da parte della società Bernalda è fuori da ogni criterio logico, da ogni chiave di lettura trasparente dell’incontro e soprattutto mina l’integrità di questa disciplina dal momento in cui viene riassunto il match in maniera totalmente INVENTATA.
A rigor di logica, un match equilibrato con occasioni da entrambe le parti, una vera partita di futsal, dovrebbe esser raccontata come tale.
Nel caso specifico, invece, i nostri avversari hanno tralasciato di raccontare chi ha davvero fatto la differenza nell’incontro, una terna arbitrale non all’altezza della categoria, capace di non fischiare un rigore intercettato dall’avversario a modo di pallavolo e di fischiare, invece, un fallo, a nostro favore, in tiro libero avversario (l’occasione del loro pareggio).
Ecco come realmente la squadra avversaria ha saputo rimettere in piedi il match… “solo da tiro libero” a “quattro minuti dal termine”.
Non è nel nostro modo di fare l’esporci in tali termini, ma con molta onestà dopo aver letto determinate cose ed aver visto alcuni atteggiamenti della dirigenza avversaria nel corso della partita, non possiamo piu esimerci dal dire la nostra verità. In ogni caso facciamo i complimenti ai nostri avversari, quelli scesi in campo, che hanno dato vita ad un bel pomeriggio di sport. La classifica ci vede ancora secondi, ben distanti dal terzo posto, segno che le nostre ambizioni camminano di pari passo ai risultati. Detto ciò possiamo “resettare” il tutto, poiché siamo abituati a parlare poco e lavorate tanto. Testa a sabato prossimo, all’incontro che ci vedrà ospiti in casa della Gear Piazza Armerina. (A.S. FP5)

CITTA’ DI COSENZA-GEAR P.ZZA ARMERINA 5-3
COSENZA: Del Ferraro, Alex, Poti, Grandinetti, Tusar, Piromallo, Marchio, Rosato, Savuto, Canonaco, Gallo, Pagliuso. All.: Tuoto
Gear: Castronovo, Ze Renato, Favero Chagas, Tamurella, Falcone, Farinato, Amato, Sanilitro, Muscarà, Borges Soares, Bruno, Goulart. All.: Troia
MARCATORI: pt 4’30” Poti (CS) 19’00” Bruno (G) st 3’30” Gonzalez (CS) 4’46” Soares (G) 9’33” Ze Renato rig. (G) 14’34”, 16’44” Poti (CS) 19’45” Del Ferraro (CS)
Che partita al PalaCosentia!! Una gara difficile contro una formazione ostica, dura da morire che ha fatto sudare per conquistare i tre punti che mister Tuoto e i suoi lupacchiotti cercavano. Certamente più difficile di quanto ci si aspettasse. Alla fine, però, le vittorie sofferte lasciano una soddisfazione impagabile e una consapevolezza che dà forza e coraggio per il futuro. Un primo tempo strano quello della Pirossigeno Città di Cosenza, dominato in lungo e in largo ma giocato sotto ritmo, un dato quest’ultimo che consentiva agli ospiti di difendersi con ordine, costringendo i cosentini a tiri da angoli impossibili che raramente centravano lo specchio della porta. Altri tentativi dal centro esaltavano il portiere ospiti e un paio di traverse salvavano la porta siciliana. E mentre dalla panchina e dalla tribuna si aspettava la rete del vantaggio rossoblù, arriva inaspettato il vantaggio ospite con Bruno a un minuto dal termine del primo tempo.
Nella ripresa il Città di Cosenza aumenta il ritmo e le azioni da gol cominciano ad avere una maggiore pericolosità. Per arrivare al pari bisogna aspettare poco più di tre minuti. A mettere a segno rete è Alex, appostato sul secondo palo, che raccoglie un invito di Poti. Proprio Poti porta in vantaggio i Lupi sugli sviluppi di un calcio di punizione. Sembra fatta, la strada della vittoria è aperta ma a volte ci sono sul percorso degli imprevisti. Pazienza. Il Gear raggiunge il pari con Borges, su un’azione sembrata viziata da fallo. Espulso Piromallo, espulsione apparsa ai più ingiustificata, il Gear raccoglie il frutto dell’uomo in più su calcio di rigore messo a segno da Ze Renato. In svantaggio i ragazzi in maglia rossoblu tirano fuori carattere e determinazione. Questa è una partita troppo importante sulla strada dei Lupi e vogliono portarla a casa. Il pari arriva con Poti (vero mattatore della partita) al 14’34 e due minuti dopo sempre Poti porta in vantaggio il Città di Cosenza. La Gear ha un’impennata di orgoglio e tenta di sfruttare il quinto uomo per arrivare al pareggio senza molto successo. Del Ferraro, portiere rossoblù, li punisce sul finire con un gran gol dalla sua porta. 5-3 e grande festa in campo. Mister Tuoto a fine gara sottolinea il carattere dei suoi uomini e definisce questo successo “una vittoria da grande squadra”. (A.S. Città di CS)

SIAC MESSINA-BOVALINO 3-2
MARCATORI: pt 13’25” Barbosa (M) 19’35” Siviero (B) st 7’34” Barbosa (M) 7’53” Piccolo (M) 12’47” Casagrande (B)

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Sporting Catanzaro Lido, rinnovo per le due frecce giallorosse

Davide Fulciniti e Matteo Mancuso saranno ancora due calciatori dello Sporting Catanzaro L…